News

News

Termine breve per l’impugnazione: decorre dalla data della comunicazione solo se c’è un’apposita norma

06 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Termini per l’impugnazione

Per la decorrenza del termine breve per proporre il ricorso per cassazione non rileva la comunicazione integrale dell’ordinanza, resa tramite PEC ad opera della cancelleria della Corte di merito, in assenza di una normativa speciale.

Leggi dopo

Difensore d’ufficio: basta il pignoramento negativo per farsi pagare dall’erario

05 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Compensi degli avvocati

L’onorario e le spese spettanti al difensore d’ufficio sono liquidati dal magistrato quando il difensore dimostra il vano e non pretestuoso tentativo di recupero del credito professionale per le vie ordinarie, fino ad eventuali pignoramenti.

Leggi dopo

Responsabilità avvocato: è sindacabile solo «in fatto» la valutazione prognostica dell’omissione compiuta

04 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Avvocato

La questione se l’inadempimento posto in essere dall’avvocato nello svolgimento del mandato difensivo abbia avuto ripercussioni sull’esito del giudizio, di guisa che, se l’inadempimento non vi fosse stato, il suo assistito avrebbe conseguito il riconoscimento delle proprie ragioni, costituisce nel giudizio di legittimità non già questione di diritto, bensì di fatto, come tale sindacabile solo nei ristretti limiti del sindacato motivazionale consentito dal n. 5 dell’art. 360 c.p.c..

Leggi dopo

Nulla la notificazione a mezzo posta se l’avviso di ricevimento non è correttamente compilato

03 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Notificazione a mezzo del servizio postale

La notificazione a mezzo posta è nulla se l'avviso di ricevimento non contiene precisa menzione di tutte le operazioni compiute dall’ufficiale postale qualora non abbia potuto consegnare l'atto al destinatario o a persona abilitata a riceverlo in sua vece e in difetto di dimostrazione dell'attività svolta offerta aliunde dal notificante.

Leggi dopo

Valida la trascrizione del matrimonio canonico su ricorso di un solo nubendo con il consenso dell’altro coniuge

30 Marzo 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Impugnazioni in generale

Nell'ipotesi di trascrizione del matrimonio canonico, eseguita dall'ufficiale di stato civile su ordine del tribunale, adìto con ricorso di un solo nubendo in sede di procedimento camerale, il soggetto che si ritenga leso da tale trascrizione può agire con l'azione ordinaria di cognizione, volta all'accertamento della nullità della trascrizione stessa, allorché assuma che questa sia avvenuta in mancanza del consenso integro - espresso o tacito - dell'altro coniuge, da accertare con riguardo al momento in cui fu formulata la richiesta di trascrizione all'ufficiale di stato civile, in origine disattesa.

Leggi dopo

Cassata la sentenza d’appello con motivazione apparente

29 Marzo 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Motivazione dei provvedimenti

La motivazione per relationem è valida a condizione che i contenuti mutuati siano fatti oggetto di autonoma valutazione critica e le ragioni della decisione risultino in modo chiaro, univoco ed esaustivo, essendo il giudice d’appello tenuto ad esplicitare le ragioni della conferma della pronuncia di primo grado con riguardo ai motivi di impugnazione proposti.

Leggi dopo

All’impugnazione del lodo per nullità si applicano le regole dell’appello

28 Marzo 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Impugnazione per nullità del lodo rituale

L’arbitrato rituale ha natura giurisdizionale, per cui l’impugnazione del lodo è soggetta alla disciplina e ai principi che regolano il giudizio d’appello, in quanto compatibili.

Leggi dopo

Gli atti dell’ufficiale giudiziario non sono autonomamente impugnabili

27 Marzo 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Ufficiale giudiziario

Gli atti dell’ufficiale giudiziario devono essere sottoposti esclusivamente al controllo del giudice dell’esecuzione ai sensi dell’art. 60 c.p.c. e, solo dopo che il giudice si sia pronunciato sull’istanza dell’interessato sarà possibile impugnare il suo provvedimento con le modalità previste dall’art. 617 c.p.c..

Leggi dopo

Notifica a mezzo posta ad una persona giuridica

26 Marzo 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Notificazione alle persone giuridiche

È valida la notifica a persona giuridica eseguita presso la sede a mezzo del servizio postale ai sensi dell’art. 149 c.p.c., con la precisazione che, laddove l’art. 145, comma 3, c.p.c. consente la notifica alla società con le modalità previste dagli artt. 140 e 143 c.p.c., deve ritenersi parimenti ammissibile la notifica compiuta con gli avvisi di deposito di cui all’art. 8, comma 2, della l. n. 890/1982, che costituiscono modalità sostanzialmente equivalenti alla notificazione ex art. 140 c.p.c., solo nei casi in cui sia specificato il nominativo ed il recapito del legale rappresentante e risulti impossibile poterlo consegnare presso la sede legale della società, per l’assenza di persone che possano riceverlo.

Leggi dopo

Ordine di integrazione del contraddittorio nei «termini di legge»: si applica il termine a comparire di cui all’art. 163-bis

23 Marzo 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Litisconsorzio necessario

In tema di litisconsorzio necessario, ove l’ordine di integrazione del contraddittorio venga dato senza l’indicazione del termine finale per la notificazione dell’atto di integrazione, ma facendosi espresso riferimento ai “termini di legge” e fissandosi la nuova udienza ad una data tale da consentire il rispetto del termine per la comparizione, tale termine si può individuare in quello di cui all’art. 163-bis c.p.c., da desumersi in base alla data dell’udienza di rinvio.

Leggi dopo

Pagine