News

News

La Cassazione conferma: alle cause volte al pagamento dei compensi di avvocato si applica il foro del consumatore

20 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Compensi degli avvocati

Nei rapporti tra avvocato e cliente, quest’ultimo riveste la qualità di consumatore, pertanto, alle controversie in tema di responsabilità professionale dell’avvocato si applicano le regole sul foro del consumatore di cui all’art. 33, comma 2, lett. u), d.lgs. n. 205/2006.

Leggi dopo

Compensazione delle spese per la «complessa problematica sollevata»: la motivazione non regge

19 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Compensazione delle spese

In tema di spese di lite, le gravi ed eccezionali ragioni per giustificare la compensazione totale o parziale, ai sensi dell’art. 92, comma 2, c.p.c., devono riguardare specifiche circostanze o aspetti della controversia decisa, non potendosi ritenere sufficiente, per derogare il principio della soccombenza, il mero riferimento alla «peculiarità della materia del contendere».

Leggi dopo

Suprema Corte, al via il “progetto esecuzioni”

17 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Corte di Cassazione,, Comunicato Progetto esecuzioni.pdf

Esecuzione forzata (in generale)

La Terza Sezione Civile della Corte di cassazione ha dato avvio ad uno specifico “progetto esecuzioni”. Il progetto prevede: l’individuazione e lo spoglio delle controversie che presentano particolare rilevanza nomofilattica, la selezione delle questioni, l’assegnazione dei ricorsi così selezionati ad un apposito Collegio, la sollecita fissazione dell’udienza di discussione e l’espressa enunciazione dei principi di diritto nelle sentenze.

Leggi dopo

Codice deontologico forense: in G.U. le ultime modifiche

16 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Comunicato CNF, G.U. 13 aprile 2018, n. 86

Comunicato CNF, G.U. 13 aprile 2018, n. 86.pdf

Deontologia dell’avvocato

Nella Gazzetta Ufficiale del 13 aprile scorso è stato pubblicato un comunicato del Consiglio Nazionale Forense con il quale si rendono note le ultime modifiche apportate al codice deontologico forense.

Leggi dopo

La sentenza di mera legittimità della Cassazione non è impugnabile con la revocazione per falsità delle prove

16 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Revocazione, impugnazione per

Contro la sentenza della Corte di cassazione di mera legittimità non è ammissibile l'impugnazione per revocazione ai sensi dell’art. 395, comma 1, n. 2 c.p.c., ma è ammissibile soltanto la revocazione ai sensi del numero 4) dello stesso art. 395, ossia per errore di fatto risultante dagli atti o documenti della causa.

Leggi dopo

PEC non consegnata per “casella piena” del destinatario: legittima la comunicazione con deposito in cancelleria

13 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Comunicazioni telematiche

Il mancato buon esito della comunicazione telematica di un provvedimento giurisdizionale, dovuto alla saturazione della capienza della casella di posta elettronica del destinatario, è un evento imputabile a quest'ultimo, in ragione dell'inadeguata gestione dello spazio per l'archiviazione e la ricezione di nuovi messaggi, sicché legittima l'effettuazione della comunicazione mediante deposito dell'atto in cancelleria.

Leggi dopo

Raddoppio del contributo: il giudice superiore può dare atto dell’insussistenza dei presupposti

12 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Contributo unificato

Il rilievo sulla debenza del cd. doppio contributo consente di attestare, ex lege, la non sussistenza dei presupposti per il versamento in grado di appello, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato ai sensi dell'art. 13, comma 1-quater, del d.P.R, 30 maggio 2002, n. 115, nel testo introdotto dall'art. 1, comma 17, legge 24 dicembre 2012, n. 228.

Leggi dopo

L’avvocato che critica l’operato del giudice rischia la segnalazione all’ordine

11 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Deontologia dell’avvocato

Attribuire al giudice che ha pronunciato la sentenza impugnata non un errore nella ricostruzione dei fatti o nell’interpretazione delle norme, ma di una intenzionale omissione nel compimento dei propri doveri d’ufficio costituisce un atto contrario ai doveri deontologici dell’avvocato ed, in particolare, violazione dell’art. 52, comma 1, del codice deontologico forense.

Leggi dopo

Raccomandata senza avviso di ricevimento: spetta al mittente in caso di contestazione provare la ricezione

10 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Onere della prova

Qualora il destinatario della spedizione della raccomandata senza avviso di ricevimento contesti il fatto stesso della ricezione di alcunchè, spetta al mittente fornire la prova dell’avvenuta ricezione del plico spedito.

Leggi dopo

Gratuito patrocinio: al difensore spettano le spese del giudizio di liquidazione

09 Aprile 2018 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Patrocinio a spese dello stato

Il difensore di persona ammessa al patrocinio a spese dello Stato che proponga opposizione avverso il decreto di pagamento dei compensi ha diritto alla liquidazione delle spese del procedimento medesimo.

Leggi dopo

Pagine