Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

La competenza funzionale della Corte d’appello nel giudizio di impugnazione per nullità del lodo arbitrale

15 Dicembre 2020 | di Pasqualina Farina

Cass. civ.

Impugnazione per nullità del lodo rituale

La Suprema Corte nell’ordinanza in commento ha stabilito che la competenza nei giudizi di impugnazione per nullità del lodo arbitrale spetta alla Corte di Appello nella cui circoscrizione è la sede dell’arbitrato.

Leggi dopo

Azione di annullamento del contratto per morte del contraente: la Suprema Corte conferma la tesi del litisconsorzio necessario degli eredi

14 Dicembre 2020 | di Giusi Ianni

Cass. civ.

Litisconsorzio necessario

La Suprema Corte nella pronuncia in commento conferma la tesi del litisconsorzio necessario degli eredi, con particolare riferimento all’ipotesi di riconduzione di un cespite nell’asse ereditario del contraente deceduto.

Leggi dopo

Rito sommario di cognizione e proposizione in via riconvenzionale di causa pregiudiziale riservata alla decisione collegiale

09 Dicembre 2020 | di Roberta Metafora

Corte cost.

Procedimento sommario di cognizione

La Corte costituzionale ha ritenuto irragionevole che nel caso in cui venga proposta nel procedimento sommario di cognizione una domanda riconvenzionale riservata alla decisione collegiale che sia legata da un rapporto di pregiudizialità-dipendenza con quella principale il giudice adìto ai sensi degli artt. 702-bis e ss. debba dichiarare inammissibile la domanda riconvenzionale proposta, per cui ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 702-ter, comma 2, ultimo periodo, c.p.c., nella parte in cui non prevede che, qualora con la domanda riconvenzionale sia proposta una causa pregiudiziale a quella oggetto del ricorso principale e la stessa rientri tra quelle in cui il tribunale giudica in composizione collegiale, il giudice adito possa disporre il mutamento del rito fissando l'udienza di cui all'art. 183 c.p.c.

Leggi dopo

La teleologica complanarità delle domande

02 Dicembre 2020 | di Cesare Taraschi

Cass. civ.

Domanda

La pronuncia in commento, in relazione al rito ordinario di cognizione, esamina la questione dei presupposti di ammissibilità, oggettivi e temporali, della nuova domanda proposta dall'attore nel corso del giudizio e, quindi, della differenza tra domanda “nuova” e domanda “modificata”, in base agli approdi ermeneutici della recente giurisprudenza di legittimità.

Leggi dopo

L'emergenza sanitaria da COVID-19 consente di derogare al principio di pubblicità dell'udienza

01 Dicembre 2020 | di Francesco Agnino

Cass. civ.

Procedimento camerale dinanzi alla corte di cassazione

La questione esaminata dalla pronuncia in commento è la seguente: può influire sulla decisione sul rinvio di una questione dall'adunanza camerale all'udienza pubblica la legislazione sull'emergenza pandemica in corso?

Leggi dopo

La competenza per l'opposizione a lodo rituale non dipende dalla natura della controversia

30 Novembre 2020 | di Francesco Bartolini

Cass. civ.

Impugnazione per nullità del lodo rituale

La questione sottoposta alla Corte di cassazione riguarda l'alternativa applicabilità dell'art. 828 c.p.c. e dell'art. 3 del d.lgs. 168/2003.

Leggi dopo

La sostituzione del “titolo contrattuale” al dovere di neminem laedere costituisce domanda nuova inammissibile in appello?

25 Novembre 2020 | di Caterina Costabile

Cass. civ.

Contestazione

La Cassazione si è occupata di stabilire se la sostituzione del "titolo contrattuale" al dovere di neminem laedere ex art. 2043 c.c., pur se rimane immodificata la formulazione del petitum rivolto al ristoro del danno, costituisce o meno di una mutatio libelli e, quindi, una domanda "nuova" inammissibile in grado di appello ex art. 345 c.p.c.

Leggi dopo

L'impugnativa dei provvedimenti datoriali è valida anche se effettuata con ricorso cautelare ante causam

24 Novembre 2020 | di Ida Ponticelli

Corte cost.

Ricorso cautelare

La Corte costituzionale ha considerato irragionevole che la proposizione della domanda cautelare non possa impedire la decadenza dall'impugnativa del provvedimento datoriale; la tutela cautelare, essendo riconducibile all'esercizio della giurisdizione e alla garanzia del giusto processo, non può avere infatti un trattamento deteriore rispetto ai sistemi alternativi di composizione della lite.

Leggi dopo

La sanatoria dell'opposizione agli atti esecutivi erroneamente iscritta al ruolo del contenzioso civile

23 Novembre 2020 | di Valentina Baroncini

Trib. Matera

Opposizione agli atti esecutivi

Il giudice dell'esecuzione del Tribunale di Matera esamina il profilo della tempestività dell'opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c., proposta avverso il provvedimento di chiusura della procedura esecutiva, che sia stata direttamente introdotta (nei termini) dinanzi al giudice del merito, e successivamente trasmigrata avanti al giudice dell'esecuzione, in virtù di un provvedimento emanato dal Presidente del Tribunale dopo la scadenza del termine.

Leggi dopo

Protezione internazionale e dovere di cooperazione istruttoria: la parola alla Cassazione

18 Novembre 2020 | di Pasqualina Farina

Cass. civ.

Riconoscimento della protezione internazionale (semplificazione dei riti)

La decisione in commento consente alla Suprema Corte di precisare meglio la portata del cd. dovere di cooperazione istruttoria del giudice.

Leggi dopo

Pagine