Focus

Focus

Il deposito telematico: fattispecie a formazione istantanea o progressiva?

30 Settembre 2022 | di Giuseppe Vitrani

Deposito di atti e documenti nel processo telematico

Il deposito degli atti nel PCT è da sempre al centro delle riflessioni di dottrina e giurisprudenza. Gli interrogativi e le indagini si appuntano sugli aspetti patologici e cioè sulle conseguenze degli errori commessi in sede di preparazione della busta telematica, laddove queste impediscano l’accettazione da parte della cancelleria.

Leggi dopo

I profili processuali dell'adozione in casi particolari

28 Settembre 2022 | di Andrea Conti

Adozione in casi particolari

Il presente contributo analizza i profili processuali dell'adozione in casi particolari, secondo quanto stabilito dal Titolo IV l. 4 maggio 1983, n. 44, che si pone lo scopo di garantire al minore la crescita in un ambiente familiare idoneo alle sue esigenze, pur preservando il rapporto con il nucleo familiare d'origine.

Leggi dopo

Riforma processo civile: col decreto delegato ecco il cronoprogramma

21 Settembre 2022 | di Mauro Di Marzio

Termini processuali in generale

L'art. 35 dello schema di decreto legislativo recante attuazione della l. 26 novembre 2021, n. 206, ossia la legge delega per la riforma del processo civile ed altro, contiene le disposizioni transitorie concernenti le norme, appunto, in materia di processo civile.

Leggi dopo

Atp ex lege Gelli: sono ammissibili le contestazioni sull'an debeatur? Quando si avvera la condizione di procedibilità?

16 Settembre 2022 | di Diego Modesti

Accertamento tecnico preventivo

Le riflessioni sui limiti all'ammissibilità del ricorso ex art. 696-bis c.p.c. si inseriscono, tra l'altro, in un acceso dibattito concernente la sussistenza di possibili contestazioni da parte del resistente in ordine all'an debeatur.

Leggi dopo

L'esecuzione in forma specifica: prassi e questioni

14 Settembre 2022 | di Laura Messina

Esecuzione forzata degli obblighi di fare e di non fare

L'esecuzione di cui agli artt. 612 – 614 c.p.c. rientra fra le forme di esecuzione in forma specifica ed ha come finalità quella di realizzare l'adempimento coattivo dell'obbligo di fare o non fare contenuto nel titolo esecutivo ex art. 2931 e 2933 c.c.

Leggi dopo

Presupposti per l'esecuzione provvisoria del decreto ingiuntivo in pendenza dell'opposizione

09 Settembre 2022 | di Cristina Asprella

Decreto ingiuntivo (esecuzione provvisoria del)

Il focus ripercorre le questioni processuali più significative sull’esecuzione provvisoria del decreto ingiuntivo nella fase di opposizione.

Leggi dopo

Riforma processo civile: le misure coercitive di cui all'art. 614-bis c.p.c.

07 Settembre 2022 | di Roberta Metafora

Esecuzione forzata indiretta

Il 28 luglio scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame preliminare, due decreti legislativi di attuazione della legge delega 206/2021 di riforma del processo civile. Particolare interesse desta la modifica della disciplina delle c.d. astreintes, di cui all'art. 614-bis c.p.c.

Leggi dopo

Riforma processo civile: le modifiche apportate all'art. 709-ter c.p.c.

31 Agosto 2022 | di Vincenza Di Cristofano

Responsabilità genitoriale

Oggetto di indagine del presente contributo sarà il fondamentale istituto disciplinato dall'art. 709-ter c.p.c. e gli aspetti processuali dello stesso oggetto di riforma. Di seguito un breve quadro riassuntivo delle disposizioni dell'art. 1 della l. 206/2021 che hanno ad oggetto l'art. 709-ter c.p.c.

Leggi dopo

Conseguenze dell'inottemperanza del terzo all'ordine di esibizione

26 Agosto 2022 | di Lorenzo Balestra

Ordine di esibizione

L'istituto previsto dagli artt. 210 a 213 c.p.c. ha la funzione di realizzare lo svolgimento della fase istruttoria nel modo più completo possibile prevedendo l'acquisizione nel processo di prove altrimenti non reperibili, almeno spontaneamente.

Leggi dopo

Inibitoria della sentenza di primo grado

24 Agosto 2022 | di Franco Petrolati

Esecuzione provvisoria della sentenza

La sospensione della provvisoria esecuzione della sentenza di primo grado che il giudice d'appello può disporre in presenza di "gravi e fondati motivi" è rimessa ad una valutazione globale d'opportunità, in ragione della natura latamente cautelare della misura.

Leggi dopo

Pagine