Bussola

Pubblicità degli avvisi

Sommario

Nozione di avvisi ex art. 490 c.p.c. | Mancato compimento dell’avviso: estinzione del processo, fattispecie di nullità e vicende oppositive | Riferimenti |

 

Gli avvisi nel procedimento esecutivo, disciplinati ai sensi dell'art. 490 c.p.c., sono una forma di pubblicità «rafforzata» che, differentemente dagli istituti della notificazione e della comunicazione, mira a diffondere la notizia dell'adozione di determinati atti esecutivi a dei destinatari diversi dai soggetti già coinvolti nel processo esecutivo. I casi in cui si da luogo a questa forma di pubblicità sono disciplinati in via tassativa. La funzione di questi avvisi è duplice. La prima consiste nel perseguire le garanzie del contraddittorio e di corretto esercizio della funzione giurisdizionale. La seconda è, invece, quella di permettere la partecipazione di più offerenti possibili alle procedure di vendita forzata, in modo tale da permettere il conseguimento del massimo valore di realizzo possibile del bene. Proprio in ragione di questa seconda finalità dell'istituto in esame, l'art. 490 c.p.c. prevede che gli avvisi siano pubblicati su piattaforme idonee a garantire una diffusione di massa della notizia. I commi 1, 2 e 3 dell'art. 490 c.p.c. individuano, infatti, come mezzi di diffusione degli avvisi: il sito del Ministero della Giustizia, sezione «Portale delle Vendite Pubbliche» (comma 1), gli «appositi siti internet» (comma 2), ovvero quelli che, ex art. 173-ter disp. ...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Focus

Focus

Su Pubblicità degli avvisi

09 Giugno 2021
Portale delle vendite pubbliche
di Alessandro Rossi

Vedi tutti »