Casi e sentenze

E’ ammissibile il ricorso cautelare d'urgenza per indennità di maternità

Di regola la richiesta di tutela cautelare d'urgenza avente ad oggetto crediti di danaro non è ammissibile. Tuttavia tale principio subisce un’eccezione quando si reclamino somme a titolo di indennità di maternità, emolumento che è correlato alla specifica condizione di astensione dal lavoro della lavoratrice in stato di gravidanza. L’indennità di maternità, infatti, è finalizzata a garantire un sostegno economico alla lavoratrice nei periodi di astensione obbligatoria, mediante la creazione di un assetto di protezione funzionale a tutelare la salute della madre, il nascituro ed il nucleo familiare, nel periodo immediatamente precedente e successivo al parto, tenendo conto delle esigenze relazionali ed affettive del figlio in tale periodo.

Leggi dopo