News

News

Termine per l’impugnazione: conta la data del deposito ufficiale in cancelleria

27 Settembre 2016 | di Redazione scientifica

Cass. civ., sez. un, 22 settembre 2016 n. 18569

Termini per l’impugnazione

Il deposito e la pubblicazione della sentenza coincidono e si realizzano nel momento in cui il deposito ufficiale in cancelleria determina l’inserimento della sentenza nell’elenco cronologico con attribuzione del relativo numero identificativo e conseguente possibilità per gli interessati di venirne a conoscenza e richiederne copia autentica.

Leggi dopo

Sanatoria dell'appello introdotto con rito errato

22 Settembre 2016 | di Redazione scientifica

Cass. civ., sez. II, 02 settembre 2016 n. 17513

Appello (forma dell’)

L'appello proposto mediante ricorso è ritenuto ammissibile solo se l’atto è stato non solo depositato in cancelleria, ma tempestivamente notificato alla controparte a norma degli artt. 325 e 327 c.p.c.

Leggi dopo

Opere pubbliche e danni a terzi: di chi è la giurisdizione?

20 Settembre 2016 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Conflitti di giurisdizione

Le Sezioni Unite della Cassazione hanno stabilito che il giudice ordinario è competente a conoscere dell’azione di risarcimento danni subiti da terzi a causa di lavori pubblici.

Leggi dopo

Riduzione automatica del termine di costituzione dell’opponente

19 Settembre 2016 | di Redazione scientifica

Cass. civ., sez. I, 8 settembre 2016, n. 17763

Opposizione a decreto ingiuntivo

La riduzione del termine di comparizione discende direttamente dall’assegnazione , da parte dell’opponente all’opposto, di un termine inferiore a quello dei 90 gg previsto dall’art. 163-bis, comma 1 , c.p.c.

Leggi dopo

CAD: pubblicato in G.U. il decreto di modifica

16 Settembre 2016 | di Redazione scientifica

Documento informatico

Pubblicato in G.U. il decreto legislativo che modifica e integra il Codice dell’Amministrazione Digitale. Tra le novità più rilevanti l’introduzione del domicilio digitale, a nuove disposizioni in materia di firme elettroniche e documenti informatici.

Leggi dopo

Domanda di separazione e affidamento del figlio di due cittadini UE: giurisdizione divisa

14 Settembre 2016 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Criteri di collegamento della giurisdizione nelle controversie europee in tema di responsabilità genitoriale (reg. ce n. 2201/2003)

In un caso di separazione tra un cittadino italiano e una britannica, dai quali è nato un figlio, la Cassazione riconosce la giurisdizione del giudice italiano sulla domanda di separazione e quella del giudice del Regno Unito sulla responsabilità genitoriale, risiedendo il minore in quella Nazione.

Leggi dopo

Ragionevole durata: il termine di sei anni vale solo se il processo conta tre gradi di giudizio

14 Settembre 2016 | di Redazione scientifica

C.Cost.

Ragionevole durata dei processi

Il termine di sei anni come tempo limite di ragionevole durata del processo, indicato nell’art. 2, comma 2-ter l. n. 89/2001, si applica ai soli procedimenti che in concreto si siano svolti in tre gradi di giudizio.

Leggi dopo

Sezioni Unite: è nell’interesse della collettività nazionale la competenza esclusiva del G.A.

13 Settembre 2016 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Giurisdizione

Per i diritti fondamentali tutelati dalla Costituzione, ivi compresi atti e comportamenti che violino le norme per la pianificazione e organizzazione del territorio ex artt. 2 e 34.1 d.lg. 80/1998, è nell’interesse dell’intera collettività nazionale la competenza esclusiva del giudice amministrativo.

Leggi dopo

Responsabilità solidale per l’omessa notifica della cartella di pagamento

12 Settembre 2016 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Onere delle spese

L’esattore, pur essendo tenuto ad agire nei confronti del preteso debitore su richiesta dell’ente impositore, è tenuto al rimborso delle spese di lite, in caso di soccombenza, in forza del principio di causalità.

Leggi dopo

Raddoppio del contributo unificato: non esistono i presupposti se il giudizio è estinto

09 Settembre 2016 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Ricorso per cassazione

Il raddoppio del contributo unificato è misura eccezionale di stretta interpretazione e non è pertanto suscettibile di interpretazione estensiva o analogica.

Leggi dopo

Pagine