News

News

Anche l’equo compenso per gli avvocati nel decreto fiscale approvato dalla Camera

01 Dicembre 2017 | di Redazione scientifica

Compensi degli avvocati

Nella seduta del 30 novembre scorso, la Camera dei deputati ha approvato in via definitiva il cd. decreto fiscale collegato alla Manovra 2018. Il testo reca disposizioni urgenti in materia finanziaria e per esigenze indifferibili. Ora si attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Leggi dopo

Deposito telematico del ricorso prima del 30 giugno 2014: è mera irregolarità

30 Novembre 2017 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Deposito di atti e documenti nel processo telematico

L’invio telematico di un ricorso dinanzi ad un ufficio non ancora abilitato, in un giudizio iniziato prima del 30 giugno 2014 integra una mera irregolarità che, a fronte del rifiuto di accettazione della relativa busta telematica, legittima la rimessione in termini.

Leggi dopo

Niente più prove indispensabili in appello

29 Novembre 2017 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Prove (nuove) in appello

Nel giudizio di appello, la nuova formulazione dell’art. 345, comma 3, c.p.c. pone il divieto assoluto di ammissione di nuovi mezzi di prova e di produzione di nuovi documenti, a prescindere dalla circostanza che abbiano o meno quella carattere di “indispensabilità”, fatto salvo che la parte dimostri di non aver potuto proporli o produrli nel giudizio di primo grado per causa ad essa non imputabile.

Leggi dopo

Responsabilità per lite temeraria: tra infondatezza della domanda e imprudente utilizzo di strumenti processuali

29 Novembre 2017 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Lite temeraria

Ai fini della configurabilità della responsabilità processuale aggravata prevista dall’art. 96, comma 2, c.p.c. è necessario che siano accertate sia l’infondatezza della pretesa fatta valere in giudizio, sia la violazione del canone di normale prudenza nell’agire in giudizio, in relazione alla fattispecie concreta.

Leggi dopo

Esecuzione esattoriale: l’atto di pignoramento è atto processuale di parte

27 Novembre 2017 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Pignoramento presso terzi

L’atto di pignoramento presso terzi eseguito dall’agente di riscossione ai sensi dell’art. 72-bis d.P.R. n. 602/1973 in sede di esecuzione esattoriale non acquisisce per ciò stesso la natura di atto pubblico, conservando invece quella di atto processuale di parte. Pertanto, l’attestazione ivi contenuta delle attività svolte dal funzionario che ha materialmente predisposto l’atto non è assistita da fede pubblica e non fa piena prova fino a querela di falso.

Leggi dopo

La procura alle liti depositata unitamente al ricorso ma non materialmente allegata è valida?

27 Novembre 2017 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Procura alle liti in generale

La procura alle liti rilasciata al difensore, anche se non materialmente allegata all'atto, è valida quando risulta evidente che sia riconducibile allo stesso essendo deposita unitamente all'atto.

Leggi dopo

Notificazione a mani proprie valida anche nei confronti del residente all’estero

23 Novembre 2017 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Notificazione in mani proprie

La notificazione in mani proprie del destinatario è sempre valida, a prescindere dal fatto che essa sia avvenuta presso la casa di abitazione anagrafica del destinatario.

Leggi dopo

Morte del difensore domiciliatario e decorrenza del termine per la riassunzione del giudizio

22 Novembre 2017 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Interruzione del processo

Qualora un evento con effetti interruttivi automatici del giudizio risulti dalla relata di notificazione di un atto giudiziario, il termine per depositare il ricorso per la riassunzione decorre dalla data in cui l'atto giudiziario completo della relata di notificazione attestante l'evento interruttivo è stato restituito dall'ufficiale giudiziario al notificante.

Leggi dopo

L’appello non è un mezzo di impugnazione a critica vincolata

21 Novembre 2017 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Appello (specificità dei motivi)

Gli artt. 342 e 434 c.p.c., nel testo formulato dalla riforma del 2012, vanno interpretati nel senso che l’impugnazione deve contenere una chiara individuazione delle questioni e dei punti contestati dalla sentenza impugnata e, con essi, delle relative doglianze. Tuttavia, in considerazione della permanente natura di revisio prioris instantie del giudizio di appello, è escluso che l’atto di appello debba rivestire particolari forme sacramentali o che debba contenere la redazione di un progetto alternativo di decisione da contrapporre a quella di primo grado.

Leggi dopo

La domanda di revocazione si propone entro 30 giorni della scoperta del documento decisivo

20 Novembre 2017 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Revocazione, impugnazione per

L’impugnazione per revocazione deve essere proposta entro trenta giorni dalla data della scoperta dei documenti decisivi che la parte non aveva potuto produrre in giudizio.

Leggi dopo

Pagine