News

News

Il CNF si esprime sulla sentenza n. 3709/2019 della Cassazione

12 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

CNF_Lettera_5_marzo_2019.pdf

CNF_Lettera_5_marzo_2019.pdf

Notifiche telematiche

Alla luce dell’errore materiale contenuto nel principio in tema di notifica telematica espresso dalla Cassazione con la sentenza n. 3709/2019, il Consiglio Nazionale Forense chiede al Primo Presidente della Corte di intervenire ponendo rimedio a quanto accaduto.

Leggi dopo

Project financing: se si contesta la fase esecutiva è competente il giudice ordinario

11 Marzo 2019 | di Andrea Greco

Cass. civ.

Giurisdizione

In tema di regolamento di giurisdizione relativo all'asserito inadempimento di una convenzione tra impresa ed Ente locale, avente ad oggetto la concessione temporanea di un'area mercatale posta nel centro antico della città, con previsione del potere di ristrutturazione dell'area e di edificazione di un centro commerciale, approvato anche nel progetto allo scopo di rivitalizzare l'area antica, con la remunerazione dell'esecutore delle opere attraverso la locazione degli spazi realizzati per tutto il tempo della concessione, la controversia relativa alla fase esecutiva, con la reciproca contestazione degli inadempimenti e le conseguenti richieste risarcitorie, appartiene alla giurisdizione ordinaria.

Leggi dopo

L’ente di volontariato svolge attività economica: l’esclusione del gratuito patrocinio non è incostituzionale

08 Marzo 2019 | di Giuseppe Marino

Corte cost.

Patrocinio a spese dello stato

La disciplina legislativa in materia di spese di giustizia, nella parte in cui non consente l’accesso al gratuito patrocinio ad un ente di volontariato solo in quanto esercente un’attività economica, non è manifestamente irragionevole.

Leggi dopo

Appropriazione di un assegno del cliente: da quando inizia a prescriversi l’azione disciplinare a carico dell’avvocato?

08 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Deontologia dell’avvocato

L'avvocato il quale si appropri dell'importo dell'assegno emesso a favore del proprio assistito dalla controparte soccombente in un giudizio civile, omettendo di informare il cliente dell'esito del processo che lo aveva visto vittorioso e di restituirgli le somme di sua pertinenza, pone in essere una condotta connotata dalla continuità della violazione deontologica, destinata a protrarsi fino alla messa a disposizione del cliente delle somme di sua spettanza, sicché, ove tale comportamento persista fino alla decisione del Consiglio dell'ordine, non decorre la prescrizione di cui all'art. 51 del R.d.l. n. 1578/1933.

Leggi dopo

Cancellazione della causa dal ruolo ed estinzione: non c’è riassunzione ma bisogna fare appello

07 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Cancellazione della causa dal ruolo

Rispetto ai procedimenti instaurati dopo l'entrata in vigore della novella dell’art. 181 c.p.c., contro l'eventuale provvedimento di cancellazione della causa dal ruolo e di estinzione del giudizio, ex artt. 181 e 309 c.p.c., sono ammissibili gli ordinari mezzi di impugnazione, atteso che il provvedimento definisce il giudizio in cui è pronunciato e che, quando esso sia stato pronunciato erroneamente, assume carattere di sentenza in senso sostanziale.

Leggi dopo

Permesso di soggiorno per motivi umanitari: la nuova disciplina non è retroattiva

06 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Riconoscimento della protezione internazionale (semplificazione dei riti)

Le modifiche alla disciplina del permesso di soggiorno per motivi umanitari apportate dal d.l. n. 113/2018 non trovano applicazione in relazione alle domande proposte prima dell’entrata in vigore della legge di conversione n. 132/2018 (il 5 ottobre 2018). In tali casi, le domande dovranno essere scrutinate secondo la normativa esistente al momento della loro presentazione.

Leggi dopo

Effetti del procedimento notificatorio: il dies a quo per l’impugnazione è uguale per il notificante ed il destinatario della notifica?

05 Marzo 2019 | di Samantha Mendicino

Cass. civ.

Termini per l’impugnazione

Il termine breve di impugnazione decorre, anche per il notificante, dalla data in cui la notifica viene ricevuta dal destinatario, perché la sua decorrenza va ricollegata in modo unitario al perfezionamento della notifica stessa.

Leggi dopo

Giurisdizione nei confronti dello straniero e litisconsorzio “pretestuoso”

04 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Giurisdizione rispetto allo straniero (comprende regolamento ce n. 1215/2012)

Il litisconsorzio necessario e la connessione di cause giustificano la giurisdizione del giudice italiano, ad eccezione dei casi in cui il litisconsorzio sia fittizio.

Leggi dopo

Avvocati: alla Consulta il limite del doppio mandato per le elezioni forensi

01 Marzo 2019 | di Redazione scientifica

CNF

Consiglio Nazionale Forense, ord., 28 febbraio 2019.pdf

Deontologia dell’avvocato

Con l’ordinanza del 28 febbraio 2019, n. 4 il Consiglio Nazionale Forense ha deciso di investire la Corte costituzionale in ordine alla norma che ha posto il divieto di eleggibilità a consigliere dell’ordine degli avvocati di quanti abbiano già svolto due mandati consecutivi. Si tratta della norma di cui all’art. 3, comma 3, l. n. 113/2017 secondo cui «i consiglieri non possono essere eletti per più di due mandati consecutivi. La ricandidatura è possibile quando sia trascorso un numero di anni uguale agli anni nei quali si è svolto il precedente mandato».

Leggi dopo

La competenza per valore nell'opposizione all'esecuzione

28 Febbraio 2019 | di Redazione scientifica

Cass. civ.

Competenza per valore

In materia di opposizione ad esecuzione forzata, quando l’esecuzione sia già iniziata, l’individuazione del giudice competente per valore per il giudizio di merito deve essere effettuata, in applicazione dell’art. 17 c.p.c., sulla base del «credito per cui si procede», corrispondente a quello che risulta dal titolo esecutivo e per il quale è stato intimato precetto di pagamento.

Leggi dopo

Pagine