Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Idoneità della notifica a mezzo PEC della sentenza del giudice di pace ai fini della decorrenza del termine breve

02 Ottobre 2019 | di Sara Caprio

Cass. civ.

Notificazione a mezzo posta elettronica

La notifica della sentenza del Giudice di pace effettuata a mezzo PEC è idonea a far decorrere il termine breve per la proposizione dell'appello pur non essendo stata estratta dal fascicolo informatico, dato che allo stato attuale l'ufficio del giudice di pace non è stato ancora telematizzato. Al difensore è riconosciuto, infatti, il potere di attestare nella relata di notifica la conformità degli allegati informatici all'originale analogico.

Leggi dopo

Sull'(in-)ammissibilità della cd. sospensione parziale soggettiva del processo esecutivo

01 Ottobre 2019 | di Giacinto Parisi

Trib. Terni

Sospensione dell’esecuzione

Il giudice dell'esecuzione si è quindi soffermato sul profilo dell'ammissibilità della sospensione del processo esecutivo limitatamente alla posizione di uno solo dei creditori (cd. sospensione parziale soggettiva).

Leggi dopo

Ancora al vaglio della Corte costituzionale l'art. 159 del d.lgs. n. 267 del 2000

30 Settembre 2019 | di Giuseppe Lauropoli

Trib. Napoli Nord

Espropriazione forzata

La questione che viene sollevata nell'ordinanza in commento attiene ad un profilo specifico e circoscritto rispetto alla generalità dei casi previsti dai commi 2 e seguenti dell'art. 159 TUEL.

Leggi dopo

Il principio di onnicomprensività del compenso non opera se il CTU svolge attività autonome

26 Settembre 2019 | di Cesare Taraschi

Cass. civ.

Compensi dei consulenti tecnici e degli altri ausiliari

La pronuncia in commento si sofferma sui limiti di operatività del principio di onnicomprensività del compenso del CTU sancito dall'art. 29 d.m. 30.5.2002, n. 24225.

Leggi dopo

Rinuncia all'esecuzione in presenza di interventi dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione e revoca dell'aggiudicazione

25 Settembre 2019 | di Pasqualina Farina

Trib. Latina

Espropriazione immobiliare

Il Giudice dell’esecuzione di Latina si è occupato di regolare l’espropriazione forzata sull'unico immobile destinato ad abitazione del debitore in caso di di rinuncia all'azione esecutiva da parte del creditore procedente nonostante gli atti d'intervento dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Leggi dopo

Termine ad impugnare e decesso della parte: la Corte di cassazione “salva” l'art. 328, comma 3, c.p.c.

24 Settembre 2019 | di Francesco Agnino

Cass. civ.

Termini per l’impugnazione

La questione affrontata dalla Suprema Corte nella pronuncia in esame è la seguente: in caso di decesso della parte, durante la pendenza del termine di sei mesi ex art. 327 c.p.c., è prorogabile il termine lungo di impugnazione?

Leggi dopo

La rappresentanza processuale dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione

23 Settembre 2019 | di Annalisa Signorelli

Cass. civ.

Difesa tecnica

E il patrocinio autorizzato sui generis dell'Avvocatura dello Stato. La parola alle Sezioni Unite.

Leggi dopo

Ammissione al gratuito patrocinio: il reddito dei coniugi non si cumula nella separazione consensuale

19 Settembre 2019 | di Antonio Scalera

Cass. civ.

Patrocinio a spese dello stato

La Suprema Corte si è occupata della questione se, ai fini della concessione del patrocinio a spese dello Stato in relazione ad una causa di separazione c.d. consensuale dei coniugi, il reddito dei coniugi debba essere cumulato oppure no.

Leggi dopo

La legittimazione passiva dell'autore materiale della falsità nel giudizio di falso

18 Settembre 2019 | di Caterina Costabile

Cass. civ.

Querela di falso

Nella pronuncia in commento, la Suprema Corte ha affrontato la tematica relativa all'individuazione del legittimato passivo rispetto alla querela di falso.

Leggi dopo

Divieto per l’avvocato di assumere l’incarico contro l’ex cliente

17 Settembre 2019 | di Vincenza Di Cristofano

CNF

Deontologia dell’avvocato

La questione giuridica di rilievo nella pronuncia in esame si incentra sulla configurabilità o meno nella condotta tenuta dall’avvocato della violazione del precetto di cui all’art. 51 cod. deont. for. (ora art. 68 cod. deont. for.).

Leggi dopo

Pagine