Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Canna fumaria illegittima perché in contrasto con il regolamento condominiale: chi è competente a decidere?

14 Dicembre 2017 | di Cristina Asprella

Cass. civ.

Cause condominiali

Con la pronuncia in commento la Suprema Corte ha affrontato la questione della competenza nelle controversie condominiali fra giudice di pace e tribunale.

Leggi dopo

Sulla (il)legittimità del rifiuto del conservatore di "purgare" il bene pignorato dai vincoli pregiudizievoli

13 Dicembre 2017 | di Pasqualina Farina

Trib. Lucca

Trib. Lucca, sez. civile, 26 luglio 2017.pdf

Espropriazione forzata

La vicenda di cui si è occupato il tribunale di Lucca trae origine dal reclamo proposto dal professionista delegato di fronte al rifiuto del conservatore di purgare il bene pignorato dai vincoli pregiudizievoli.

Leggi dopo

Ricorso improcedibile senza la copia conforme della sentenza impugnata, estratta dal fascicolo informatico

12 Dicembre 2017 | di Tania Hmeljak

Cass. civ.

Ricorso per cassazione

Per la Suprema Corte l’onere – posto a pena di improcedibilità del ricorso – di depositare copia autentica del provvedimento impugnato permane nonostante l’originale sia stato formato digitalmente.

Leggi dopo

Gli importi minimi degli onorari di avvocato sono riducibili?

11 Dicembre 2017 | di Cesare Taraschi

Cass. civ.

Spese del giudizio

La Suprema Corte si è pronunciata in tema di liquidazione delle spese processuali e possibilità per il giudice di ridurre, ed eventualmente in che misura, l’importo minimo degli onorari di avvocato.

Leggi dopo

Pignoramento presso terzi e dichiarazioni false o reticenti del debitor debitoris

07 Dicembre 2017 | di Giacinto Parisi

Cass. civ.

Dichiarazione del terzo pignorato

La Suprema Corte, nella pronuncia in esame, ha affrontato la questione attinente la configurabilità della responsabilità del terzo debitor debitoris – la cui dichiarazione risulti reticente od elusiva – quale responsabilità processuale aggravata di cui all’art. 96 c.p.c. ovvero per illecito aquiliano, a norma dell’art. 2043 c.c..

Leggi dopo

Attestazione di conformità e improcedibilità del ricorso per cassazione. Un’altra “trappola da eccessivo carico”

06 Dicembre 2017 | di Erminio Colazingari

Cass. civ.

Ricorso per cassazione

La Suprema Corte, con le sentenze in esame, ha dichiarato l’improcedibilità del ricorso per mancata attestazione di conformità della notifica della sentenza. Cerchiamo di capire in quali termini è stata affrontata la questione.

Leggi dopo

Procedimento ex art. 702-bis c.p.c. rito davvero speciale quasi “spettrale”

05 Dicembre 2017 | di Erminio Colazingari

Cass. civ.

Comunicazioni telematiche

La sentenza in commento affronta la questione in merito alla effettività della decorrenza del termine per l'impugnazione emessa a definizione del procedimento sommario ex art. 702-bis dalla comunicazione del cancelliere; comunicazione che inviata per esteso e non estratto è idonea alla decorrenza del termine di trenta giorni fissato per l'impugnazione.

Leggi dopo

Rinuncia prima della costituzione di controparte: il provvedimento di estinzione non regola le spese di lite

04 Dicembre 2017 | di Caterina Costabile

Cass. civ.

Estinzione del processo

La Suprema Corte, con la pronuncia in commento, si è occupata di stabilire se il provvedimento di estinzione del giudizio, a seguito di atto di rinuncia notificato prima della costituzione della controparte, debba o meno contenere una statuizione in ordine alle spese processuali.

Leggi dopo

L’avvocato può opporre l’eccezione d’inadempimento al cliente che non anticipa le spese?

30 Novembre 2017 | di Vito Amendolagine

Cass. civ.

Avvocato

Alla Corte di Cassazione viene sottoposta la seguente questione: l’avvocato che oppone al proprio cliente l’eccezione ex art. 1460 c.c. deve intendersi responsabile delle possibili conseguenze dannose verificatesi successivamente a carico del medesimo cliente?

Leggi dopo

Inopponibilità, in sede di distribuzione del ricavato dell’esecuzione per crediti fondiari, delle prededuzioni fallimentari

29 Novembre 2017 | di Francesca Maini

Trib. S. Maria C. V.

Trib. S. Maria C. V., sez. III, sent., 29 giugno 2017.pdf

Distribuzione del ricavato

Con la pronuncia in commento, il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere affronta la questione del rapporto tra procedura esecutiva individuale instaurata (o proseguita) dal creditore fondiario e la procedura concorsuale apertasi in danno del debitore esecutato e, in questo contesto, alla più precisa definizione dei contorni del cd. privilegio processuale che, a norma dell’art. 41 Tub, vede il creditore legittimato a dar corso alla prima di quelle procedure a dispetto della sopravvenuta instaurazione della seconda.

Leggi dopo

Pagine