Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Omessa ricusazione del CTU nei termini ed acquisizione della consulenza al processo

03 Gennaio 2018 | di Vito Amendolagine

Cass. civ.

Consulente tecnico d’ufficio

La Corte di cassazione, nella sentenza in commento, si è pronunciata sulla questione attinente l’omessa valutazione da parte del giudice di merito della richiesta di ricusazione e sostituzione del CTU formulata dallo stesso ricorrente.

Leggi dopo

Notifica via PEC dopo le ore 21: alla Consulta la questione di legittimità

02 Gennaio 2018 | di Pietro Calorio

App. Milano

Notificazione a mezzo posta elettronica

La Corte d'appello di Milano ha sollevato questione di legittimità costituzionale dell'art. 16-septies d.l. n. 179/2012 per violazione degli artt. 3, 24 e 111 Cost., nella parte in cui tale norma stabilisce che la notificazione telematica eseguita dopo le ore 21 si considera perfezionata alle ore 7 del giorno successivo.

Leggi dopo

La domanda di mediazione impedisce la decadenza dal momento della comunicazione alle altre parti

29 Dicembre 2017 | di Maurizio Tarantino

Trib. Parma

Mediazione (procedimento di)

Chiamato ad accertare la validità di una delibera assembleare, il tribunale di Parma, ritenendo la domanda tardiva, ha sottolineato che l'impugnazione (che dovrà essere preceduta da un tentativo di conciliazione) si propone con un atto di citazione davanti al giudice civile entro 30 giorni dalla delibera o dalla comunicazione della stessa ai condomini assenti. Quanto alla procedibilità dell’azione...

Leggi dopo

Decreto di rigetto dell'omologa del piano del consumatore emesso in sede di reclamo: è ricorribile in Cassazione?

28 Dicembre 2017 | di Antonio Picardi

Cass. civ.

Ricorso per cassazione

La Suprema Corte, nella pronuncia in commento, ha risposto al seguente quesito: è ricorribile per cassazione il decreto, emesso dal tribunale in sede di reclamo, con il quale sia stato revocato il provvedimento che aveva in precedenza omologato il piano del consumatore?

Leggi dopo

Esclusa la sanatoria della notifica dell’atto di precetto se è già eseguito il pignoramento

22 Dicembre 2017 | di Valentina Baroncini

Cass. civ.

Notifica del precetto

Con la sentenza in commento la Cassazione si è occupata della possibilità di ritenere sanato per raggiungimento dello scopo dell’atto il vizio di notificazione di un atto di precetto, allorché l’evento sanante si sia verificato successivamente alla trascrizione del pignoramento immobiliare.

Leggi dopo

Giudizio di divisione ereditaria e onere della prova di un fatto ostativo alla collazione

21 Dicembre 2017 | di Livia Di Cola

Trib. Vicenza

Giudizio di divisione

Con la pronuncia in esame, il tribunale di Vicenza si è occupato di diverse questioni collegate tra loro, tra le quali il rapporto tra la domanda di divisione e quella di collazione e il valore della non contestazione ai fini del soddisfacimento dell’onere probatorio.

Leggi dopo

Disconoscimento scrittura privata: entro quali limiti temporali va formulata la relativa istanza?

20 Dicembre 2017 | di Giusi Ianni

Cass. civ.

Disconoscimento di scrittura privata

La Corte di cassazione si è occupata della questione relativa ai termini entro i quali deve essere proposto il disconoscimento della scrittura privata.

Leggi dopo

Non sussiste l'obbligo di produrre in appello il fascicolo di parte del primo grado

19 Dicembre 2017 | di Francesco Agnino

Cass. civ.

Fascicolo di parte

Nella pronuncia in commento, la Suprema Corte si è occupata della questione relativa alla produzione del fascicolo di primo grado, ai fini della costituzione nel giudizio in grado di appello.

Leggi dopo

Il potere di agire di ciascun condomino di fronte al nodo della soggettività del condominio

18 Dicembre 2017 | di Franco Petrolati

Cass. civ.

Cause condominiali

La partecipazione al giudizio del condominio, rappresentato dall’amministratore, implica che sia “parte” in causa anche ciascun condòmino, con conseguente potere di ogni condòmino di impugnare in proprio la sentenza resa all’esito del grado? La questione alle Sezioni Unite.

Leggi dopo

La revocabilità dell’ordinanza anticipatoria di condanna ex art. 186-bis c.p.c.

15 Dicembre 2017 | di Maria Cristina Rizzi

Cass. civ.

Ordinanza di pagamento di somme non contestate

Nella pronuncia in commento, la Corte di cassazione si è occupata di stabilire gli elementi caratterizzanti le ordinanze anticipatorie emesse ai sensi dell’art. 186-bis c.p.c., le conseguenze della revoca di tale ordinanza e l’ambito di operatività della disciplina di cui all’art. 282 c.p.c..

Leggi dopo

Pagine