Focus

Focus

Irrilevanza della distinzione fra garanzia propria ed impropria in tema di applicazione dell'art. 331 c.p.c.

24 Luglio 2017 | di Sergio Matteini Chiari

Chiamata in garanzia

Premesso breve cenno sulla chiamata in garanzia, viene rammentato che sino a tempi recenti la giurisprudenza di legittimità ha sempre distinto tra garanzia c.d. «propria» e garanzia c.d. «impropria» per vari effetti sul piano processuale. A seguire, viene evidenziato che, in forza di recente intervento delle Sezioni Unite, la suddetta distinzione è stata «definitivamente» accantonata quanto ai suddetti effetti, in particolare sul piano dell'applicazione della disciplina dell'art. 331 c.p.c..

Leggi dopo

Il pignoramento di crediti da retribuzioni e pensioni versati su conto corrente bancario o postale

12 Luglio 2017 | di Alberto Crivelli

Pignoramento del conto corrente

In tema di espropriazione presso terzi, una delle questioni più spinose riguarda la pignorabilità di crediti da retribuzione o trattamenti pensionistici una volta confluiti nel patrimonio del debitore e segnatamente nei conti correnti o depositi a lui intestati o cointestati con altro soggetto.

Leggi dopo

Le specifiche tecniche relative al Portale delle vendite pubbliche ed alle vendite telematiche

10 Luglio 2017 | di Sergio Rossetti

Portale delle vendite pubbliche

Il 28 giugno 2017 sono state pubblicate sul portale dei servizi telematici (PST) del ministero della Giustizia (http://pst.giustizia.it) le «Specifiche tecniche relative al Portale delle vendite pubbliche ed alle vendite telematiche». La pubblicazione pone un ulteriore tassello ad un disegno normativo, iniziato da oltre due lustri, che da qui ai prossimi mesi comporterà una sostanziale modificazione degli strumenti di esitazione dei beni oggetto di vendite nelle procedure esecutive individuali e concorsuali e delle prassi in uso presso i Tribunali.

Leggi dopo

Una prima lettura delle modifiche al procedimento monitorio conseguenti al Jobs act autonomi

06 Luglio 2017 | di Massimo Vaccari

L. 22 maggio 2017, n. 81

Controversie di lavoro

L'art. 15, comma 1, lett. b), della l. n. 81/2017, entrata in vigore il 14 giugno 2017, ha modificato il secondo comma dell'art. 634 c.p.c. prevedendo che la prova scritta del credito per corrispettivi dei lavoratori autonomi, idonea a fondare un decreto ingiuntivo, può essere costituita anche dagli estratti autentici delle scritture contabili di cui agli artt. 2214 ss. c.c. e delle scritture contabili prescritte dalle leggi tributarie purché tenuti in conformità alle relative discipline.

Leggi dopo

L'istanza di autorizzazione al presidente del tribunale per la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare

04 Luglio 2017 | di Rosaria Giordano

Ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare

L'art. 19, primo comma, lettere c) e d), d.l. 132/2014 è intervenuto sulle modalità di ricerca telematica dei beni da pignorare, abrogando il settimo comma dell'art. 492 c.p.c. che in precedenza le determinava, e stabilendo una nuova disciplina nell'art. 492-bis c.p.c.

Leggi dopo

Alcune criticità del regime delle opposizioni esecutive alla luce della più recente giurisprudenza di Cassazione

28 Giugno 2017 | di Valentina Baroncini

Opposizione all’esecuzione

Il presente focus è dedicato ad un'analisi critica della più recente giurisprudenza di legittimità intervenuta in materia di opposizioni esecutive. L'attenzione sarà rivolta, in primis, all'opposizione all'esecuzione ex art. 615 c.p.c. e alle relative questioni inerenti alla struttura e alla natura giuridica di tale strumento; verrà analizzato, poi, un arresto in materia di opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c.; infine, con riguardo all'opposizione di terzo all'esecuzione ex art. 619 c.p.c., saranno illustrate recenti pronunce.

Leggi dopo

Il Punto sulla mediazione civile

23 Giugno 2017 | di Redazione scientifica

Mediazione (in generale)

L’intensa applicazione della mediazione civile e commerciale, introdotta dal legislatore del 2010 con il d.lgs. n. 28, si deve al fatto che tale strumento di risoluzione alternativo delle controversie fuori dalle aule del Tribunale è obbligatorio per materie che generano elevati flussi di contenzioso (ad esempio, condominio, contratti bancari e assicurativi e diritti reali), oltre che essere facoltativo oppure delegato dal giudice.

Leggi dopo

Regolamento sulle modalità di costituzione delle camere arbitrali, di conciliazione e degli organismi di risoluzione alternativa delle controversie

22 Giugno 2017 | di Annachiara Massafra

D.m. Giustizia, 14 febbraio 2017, n. 34

Arbitrato

Dall'8 aprile 2017 è in vigore il regolamento recante le modalità di costituzione, presso i Consigli degli ordini circondariali degli avvocati, delle camere arbitrali e di conciliazione e degli organismi di risoluzione alternativa delle controversie. Dall'8 ottobre 2017 le relative disposizioni si applicheranno alle camere arbitrali e di conciliazione già costituite.

Leggi dopo

Quali sono le eccezioni di rito e di merito non rilevabili d'ufficio?

20 Giugno 2017 | di Francesco Bartolini

Eccezione in generale

Riprendendo il discorso iniziato con la risposta del Consigliere M. Di Marzio al quesito inviato da utente il 23 maggio scorso “Eccezioni di rito e di merito: quali non sono rilevabili d'ufficio?”, il Dottor F. Bartolini, attraverso il presente focus, analizza nel dettaglio la questione relativa all’individuazione delle fattispecie per cui la proposizione delle eccezioni non è in capo al giudice (ex art. 112 c.p.c.) ma alle parti. Tale individuazione non è infatti specificata dal diritto positivo ed è oggetto di interpretazione dottrinale e giurisprudenziale.

Leggi dopo

Giudici e arbitri: sempre meno lontani

13 Giugno 2017 | di Mauro Di Marzio

Arbitrato

La definizione dei rapporti tra giudice e arbitro si intreccia con importanti implicazioni «politiche», giacché rimanda alla concezione stessa della giurisdizione, la quale, se intesa come riservata in esclusiva allo Stato, impone di negare che gli arbitri svolgano una funzione in qualche modo giurisdizionale, con tutta quanto ne consegue sul piano della regolazione di quei rapporti. Dopo la riforma del 2006, e dopo alcuni decisivi interventi della Corte costituzionale, è però ormai chiaro che gli arbitri sono parte della giurisdizione.

Leggi dopo

Pagine