Focus

Focus

Requisiti di validità delle notificazioni telematiche in proprio ex lege n. 53/1994

22 Ottobre 2019 | di Ileana Fedele

Notifiche telematiche

La disciplina delle notifiche eseguite in proprio dagli avvocati ai sensi della l. n. 53/1994 prevede uno speciale regime di nullità. L'autore, partendo dalla disamina dei requisiti prescritti dalle disposizioni in materia, analizza le fattispecie affrontate dalla giurisprudenza di legittimità per ricostruire i principi fondanti che hanno orientato le prime applicazioni della normativa speciale, a partire dalla sanatoria per raggiungimento dello scopo, non senza dare conto delle ipotesi che, per converso, hanno condotto alla declaratoria di invalidità per violazione del diritto di difesa o potenziale pregiudizio per la decisione finale.

Leggi dopo

Competenza in caso di decreto ingiuntivo nella locazione

15 Ottobre 2019 | di Roberta Nardone

Decreto ingiuntivo (procedimento per l’emanazione del)

L'individuazione del giudice competente ad emettere il decreto ingiuntivo in materia locatizia segue le ordinarie regole che presidiano la competenza in fase monitoria.

Leggi dopo

Il punto sul rito sommario di cognizione

08 Ottobre 2019 | di Lunella Caradonna

Procedimento sommario di cognizione

Il Capo III bis è stato inserito nel libro IV dei procedimenti speciali dall'art. 51, comma 1, della l. n. 69/2009 e contiene gli artt. da 702-bis a 702-quater che disciplinano il procedimento sommario di cognizione, cosiddetto “a regime facoltativo”, che è stato poi oggetto delle novelle legislative introdotte dal d.lgs. n. 150/2011, che ha previsto l'obbligatorietà del procedimento sommario di cognizione per specifiche ipotesi e dal d.l. n. 132/2014, conv. con modif. dalla l. n. 162/2014, che ha espressamente previsto la conversione d'ufficio, da parte del giudice, dal rito ordinario a quello sommario, previa valutazione della complessità della lite e dell'istruzione probatoria.

Leggi dopo

La continenza qualitativa e alcuni casi problematici relativi alla sua applicazione

02 Ottobre 2019 | di Vincenza Di Cristofano

Continenza

È possibile distinguere la teoria c.d. quantitativa e la teoria c.d. qualitativa della continenza. Nel presente contributo si esaminerà l'evoluzione giurisprudenziale che ha condotto all'accoglimento della più ampia nozione della continenza qualitativa nonché le più rilevanti applicazioni pratiche

Leggi dopo

L'impugnativa delle delibere assembleari di condominio e il principio di libertà delle forme

30 Settembre 2019 | di Carlotta Maresca

Impugnazioni in generale

A norma dell'art. 1137 c.c., le delibere, frutto dell'attività assembleare, organo vitale del condominio, sono obbligatorie per tutti i condomini. In questa obbligatorietà trova la sua ratio la possibilità per il condomino assente, dissenziente o astenuto di impugnare le deliberazioni contrarie alla legge o al regolamento del condominio, chiedendone l'annullamento.

Leggi dopo

Il prospective overruling in materia processuale

24 Settembre 2019 | di Vincenzo Carnì

Giusto processo

Nei sistemi di common law, il termine overruling indica l'abbandono di un indirizzo precedentemente accolto da una corte chiamata ad enunciare principi di diritto vincolanti per gli altri giudici. Questi ultimi saranno perciò tenuti ad applicare il nuovo orientamento alle controversie sottoposte al loro esame e a decidere, in base al nuovo principio di diritto, fattispecie sorte prima del suo affermarsi. In ordinamenti come quello italiano, la natura meramente dichiarativa delle decisioni giudiziali, che non creano il diritto ma lo interpretano e lo applicano ai casi concreti, rende inevitabile che esse abbiano effetto retroattivo.

Leggi dopo

Curatore speciale ex art. 78 c.p.c.

17 Settembre 2019 | di Sergio Matteini Chiari

Curatore speciale

Nel presente contributo vengono individuate le ipotesi in cui viene in rilievo la figura del curatore speciale; vengono enunciati i principi regolatori della materia, in specie quelli operativi nei casi di conflitto di interessi tra rappresentante e rappresentato e vengono riportate alcune fattispecie, con brevi osservazioni.

Leggi dopo

I rapporti tra l'opposizione di terzo all'esecuzione e gli altri rimedi concessi al terzo nell'ambito dell'esecuzione in forma specifica

10 Settembre 2019 | di Roberta Metafora

Opposizione di terzo all’esecuzione

Finalità del presente lavoro è quella di stabilire la diversa “area” che l'istituto dell'opposizione di terzo all'esecuzione è capace di coprire rispetto agli altri rimedi dell'opposizione all'esecuzione e dell'opposizione di terzo ordinaria di cui al primo comma dell'art. 404 c.p.c. nell'ambito dell'esecuzione in forma specifica.

Leggi dopo

Nullità (e inesistenza) della notificazione degli atti processuali

03 Settembre 2019 | di Cecilia De Nicola

Notificazione in generale

Nel caso di avvenuta notificazione in luogo diverso dal domicilio eletto dalla parte, ricorre – per ormai consolidata impostazione della Suprema Corte – un'ipotesi di nullità, e non di inesistenza, della stessa: il luogo di esecuzione non può mai dirsi una componente degli elementi costitutivi propri della notificazione, quali l'attività di trasmissione o di consegna. Esso, pertanto, anche qualora sia privo di alcun collegamento con il destinatario, può unicamente determinare un'ipotesi di nullità della notificazione, sanabile con efficacia ex tunc per raggiungimento dello scopo o per rinnovazione. Ove l'atto venga notificato presso l'indirizzo del difensore risultante dall'albo, la costituzione della parte comporta, dunque, la sanatoria della nullità per avvenuto raggiungimento dello scopo.

Leggi dopo

La difficile quantificazione dei compensi dell'avvocato familiarista

28 Agosto 2019 | di Antonella Ratti

Compensi degli avvocati

Con l'entrata in vigore della riforma della professione forense (l. n. 247/2012), e del successivo d.m. n. 55/2014, è stata liberalizzata la pattuizione del compenso fra il professionista e la parte assistita e sono stati introdotti nuovi parametri per la quantificazione dei compensi degli avvocati in caso di mancato accordo fra le parti. Partendo dall'analisi dei due testi di legge, vengono esaminate le novità introdotte con l'intento di trovare possibili soluzioni per la quantificazione dei compensi per l'attività svolta dal legale nell'ambito del diritto di famiglia, delle persone e dei minori.

Leggi dopo

Pagine