Focus

Focus

Le esecuzioni per rilascio ai tempi del Coronavirus

21 Ottobre 2020 | di Giuseppe Lauropoli

Esecuzione per consegna e rilascio

All'interno del decreto legge n. 18/2020, adottato in piena emergenza sanitaria legata all'epidemia da Coronavirus, è confluita una disposizione che ha imposto la sospensione di tutte le procedure di rilascio di immobili fino al 30.6.2020, termine poi prorogato al 1.9.2020. Tale sospensione è stata poi ulteriormente prorogata, per effetto dell'art. 17-bis, comma 1, del d.l. 19 maggio 2020, n. 34 (convertito, con modifiche, in l. n. 77/2020), al 31.12.2020, ponendo tuttavia alcuni problemi di non facile soluzione agli interpreti della norma.

Leggi dopo

Maternità surrogata e compatibilità con l'ordine pubblico della decisione straniera di accertamento del rapporto di genitorialità

14 Ottobre 2020 | di Caterina D'Osualdo

Riconoscimento delle decisioni in materia civile e commerciale (reg. ce n. 1215/2012)

Il rifiuto di procedere alla trascrizione nei registri dello stato civile di un provvedimento giurisdizionale straniero, con il quale sia stato accertato il rapporto di filiazione tra un minore nato all'estero e un cittadino italiano, dà luogo, se non determinato da vizi formali, a una controversia di stato, da risolversi mediante il procedimento disciplinato dall'art. 67 della l. n. 218/1995, in contraddittorio con il Sindaco, in qualità di ufficiale dello stato civile destinatario della richiesta di trascrizione, ed eventualmente con il Ministero dell'interno, legittimato a spiegare intervento in causa e ad impugnare la decisione in virtù della competenza ad esso attribuita in materia di tenuta dei registri dello stato civile.

Leggi dopo

Funzioni e compiti conciliativi del CTU tra preclusioni normative, prassi consolidate ed esigenze di qualità

07 Ottobre 2020 | di Paolo Frediani

Consulente tecnico d’ufficio

Da sempre la funzione di CTU ha portato con sé, oltre al compito di esperto per il magistrato, anche un valore conciliativo per le parti in contesa. Ma è con l'introduzione della consulenza tecnica preventiva ai fini della composizione della lite di cui all'art. 696-bis c.p.c. che al CTU si è conferito per la prima volta in modo così chiaro e pieno il riconoscimento di conciliatore. Tuttavia ancor oggi gran parte degli incarichi di conciliare la controversia rimangono sprovvisti del riconoscimento di legge poiché i consulenti li ricevono nell'ambito del processo di cognizione dove tale attività è limitata agli incarichi di cui all'art. 198 c.p.c. Ma nelle prassi oramai in uso negli uffici giudiziari tale limitazione risulta superata con l'assegnazione nell'incarico al CTU di tentare la lite anche nei processi ordinari.

Leggi dopo

La rimessione in termini nei procedimenti speciali e nel processo esecutivo

30 Settembre 2020 | di Sara Caprio

Rimessione in termini

La legge 18 giugno n. 69 del 2009 ha modificato la collocazione normativa dell'istituto della rimessione in termine oggi disciplinato nell'art. 153, comma 2, c.p.c. L'avvenuta generalizzazione della rimessione in termini ha portato la dottrina e la giurisprudenza a sostenerne l'applicabilità anche alle decadenze dai poteri esterni al processo, come il potere di impugnazione ed il potere di proseguire o riassumere il processo. L'inserimento dell'istituto all'interno del Libro I del c.p.c. consente di estendere l'ambito di applicazione di questo istituto anche ai processi diversi da quello di cognizione, ovvero al processo esecutivo ed ai procedimenti speciali.

Leggi dopo

Sequestro preventivo finalizzato alla confisca di un bene immobile su cui pende una procedura esecutiva immobiliare

23 Settembre 2020 | di Carmelo Curcio

Espropriazione immobiliare

Il presente contributo, dopo aver ricordato la disciplina appositamente prevista dal c.d. codice antimafia per regolare il rapporto fra il sequestro di prevenzione ex art. 20 d.lgs. 159/2011 e le azioni esecutive civili, intende fornire una disamina della questione relativa al caso in cui un sequestro preventivo ex art. 321, comma 2, c.p.p. finalizzato alla confisca (diversa da quella c.d. allargata ex art. 240-bis c.p. e dagli altri casi di confisca nei procedimenti relativi ai delitti di cui all'art. 51, comma 3-bis, c.p.p.) venga disposto su un bene immobile oggetto di pignoramento precedentemente trascritto, soffermandosi altresì, in tale ultimo caso, sull'individuazione degli strumenti processuali utili.

Leggi dopo

L'art. 627 c.p.c. e la riassunzione del processo esecutivo sospeso

16 Settembre 2020 | di Giuseppe Lauropoli

Riassunzione del processo esecutivo

Pur in assenza di recenti arresti giurisprudenziali che abbiano apportato novità di rilievo sulla interpretazione dell'art. 627 c.p.c., pare utile provare a fare il punto sulla applicazione di tale disposizione, individuandone l'ambito applicativo e chiarendo alcuni profili interpretativi che appaiono piuttosto problematici e controversi. Partendo dunque dal dato normativo, ci si soffermerà dapprima sull'ambito applicativo della norma, per poi venire al procedimento di riassunzione disegnato dal legislatore, soffermandosi su alcuni passaggi interpretativi che appaiono piuttosto controversi.

Leggi dopo

La nuova ipotesi di mediazione obbligatoria: le cause per inadempimento da COVID-19 e le procedure di sfratto

09 Settembre 2020 | di Roberta Nardone

Mediazione obbligatoria e processo

Il legislatore ha previsto una nuova ipotesi di mediazione obbligatoria introducendo, in sede di conversione del d.l. 28/2020, un comma 6-ter all'art.3 d.l. n. 6/2020. La norma opera con riferimento alle controversie inerenti obbligazioni contrattuali nelle quali il rispetto delle misure di contenimento disposte durante l'emergenza epidemiologica da COVID-19 possa avere inciso sulla tempestività ed esattezza dell'adempimento del debitore. Alcuna novità, tuttavia, risulta introdotta con riferimento alla individuazione dei procedimenti per i quali la mediazione non costituisce condizione di procedibilità e, tra questi, la fase sommaria dei procedimenti per convalida di licenza e sfratto.

Leggi dopo

Memorie ex art. 183 comma 6 c.p.c.: interrogativi e ambito operativo di ciascuno dei tre termini

02 Settembre 2020 | di Gianluigi Morlini

Memorie ex 183 cpc

Nelle pagine che seguono, ovviamente con i limiti derivanti dalla natura del presente studio, si cercherà di affrontare alcuni degli interrogativi che sono stati formulati con riferimento al tema delle memorie istruttorie ed all'ambito operativo di ciascuno dei tre termini ex art. 183, comma 6, c.p.c.

Leggi dopo

Difetto di rappresentanza

31 Agosto 2020 | di Roberta Metafora

Procura alle liti in generale

A norma dell'art. 182, comma 2, c.p.c., il giudice è tenuto - ove rilevi un difetto di rappresentanza, di assistenza o di autorizzazione ovvero un vizio che determina la nullità della procura al difensore - a provvedere alla sanatoria di tale vizio.

Leggi dopo

Le spese del procedimento di mediazione obbligatoria

19 Agosto 2020 | di Adriana Nicoletti

Mediazione obbligatoria e processo

Nelle controversie condominiali, che per disposizione legislativa comprendono tutte le liti che interessano condominio e condomini, il procedimento della mediazione obbligatoria si pone come via stragiudiziale preventiva per tentare di raggiungere un accordo bonario che scongiuri il ricorso alla via giudiziaria. Nel d.lgs. n. 28/2010 e nelle sue successive modificazioni, alcune disposizioni determinano non solo le modalità con le quali sono definite, in sede di provvedimento giudiziario, anche le spese processuali concernenti la mediazione obbligatoria, ma altresì le sanzioni che devono o possono essere irrogate dal giudice nei confronti della parte che, per colpa o dolo, tenga un comportamento che contrasti con la finalità della normativa.

Leggi dopo

Pagine