Bussola

Trattazione della causa

21 Ottobre 2019 |

Sommario

Inquadramento | La trattazione in senso stretto: udienza di trattazione, attività del giudice e delle parti | Segue. Trattazione delle questioni pregiudiziali di merito e rito e delle questioni preliminari di merito | Ammissione e assunzione dei mezzi di prova | Rimessione in decisione | Riferimenti |

 

La trattazione della causa in senso ampio è la fase del processo di cognizione in cui si compiono gli atti che hanno la funzione di preparazione alla decisione della controversia. La trattazione è la seconda delle tre fasi in cui si articola il processo di cognizione. È, difatti, successiva alla fase di introduzione, la quale inizia con la proposizione della domanda e si conclude con la scadenza dei termini per la costituzione delle parti, e precedente a quella di decisione. La trattazione in senso ampio comprende tutte le attività di impostazione e risoluzione delle questioni necessarie alla decisione della causa e si divide in tre fasi: a) trattazione in senso stretto, b) la fase di istruzione probatoria (la quale si impone solo come eventuale) e c) la rimessione della causa al collegio (o in decisione). Nelle tre sub fasi della trattazione in senso ampio si compiono varie attività, le quali sono legate al controllo della corretta instaurazione del contraddittorio, allo svolgimento delle attività difensive delle parti, all'impostazione e risoluzione delle questioni pregiudiziali di merito e rito e preliminari di merito e all'eventuale esperimento delle prove costituende ammesse. Nel momento in cui il giudice istruttore - sia esso uno dei tre componenti del collegio, nelle ca...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >