Bussola

Sostituzione processuale

Sommario

Inquadramento | Tipicità della sostituzione processuale | Sostituzione processuale e legittimazione straordinaria | Differenza con la rappresentanza | La verifica dell’esistenza della legittimazione straordinaria | Casi di sostituzione processuale | Ipotesi dubbie | La posizione processuale del sostituto | Riferimenti |

 

Si afferma comunemente che parte è chi nel proprio nome domanda, nonché chi contro il quale la domanda, sempre in proprio nome, è proposta. Pertanto, al fine di valutare la sussistenza della legittimazione ad agire, occorre esaminare la domanda giudiziale, nella quale l’attore deve affermare di essere titolare del diritto dedotto in giudizio. Solo eccezionalmente, nei casi previsti dalla legge, è possibile far valere nel processo in nome proprio un diritto altrui. In tal caso, si è in presenza della cd. sostituzione processuale, la quale costituisce una deroga alla regola generale appena indicata.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >