Bussola

Ricorso incidentale condizionato

26 Settembre 2016 |

Sommario

Inquadramento | Funzione del controricorso | Funzione del ricorso incidentale | Il ricorso incidentale condizionato | Riferimenti |

 

Il tema del ricorso incidentale condizionato investe il principio, contenuto nell'art. 100 c.p.c., ed operante anche nel giudizio di cassazione, secondo il quale per proporre una domanda o per resistere ad essa è necessario avervi interesse, di tal che, l'interesse ad impugnare in sede di legittimità una sentenza, o un capo di essa, postula comunque una soccombenza, anche parziale, nel precedente grado del processo, non potendosi adire la Suprema Corte soltanto per soddisfare esigenze teoriche di correttezza formale della pronuncia di merito. Come si vedrà nei successivi paragrafi, alla parte vittoriosa in secondo grado non si consente di sottoporre con impugnazione incidentale alla Corte di cassazione le questioni, domande o eccezioni, per quanto rilevanti per la decisione, prospettate ma non decise, neppure implicitamente, dal giudice d'appello, in quanto assorbite da quelle accolte. Tali questioni, domande, eccezioni, del resto, non possono proporsi dalla parte vittoriosa nemmeno con controricorso, non essendo applicabile al giudizio di legittimità l'art. 346 c.p.c., rimanendo riproponibili, in caso di accoglimento del ricorso principale, nel giudizio di rinvio, se già riproposte nel procedimento di appello e non travolte dalle questioni decise dalla sentenza di cassazione,...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >