Bussola

Processo esecutivo telematico

Sommario

Inquadramento | L'impiego del sistema PEC | Il deposito telematico | Individuazione dei beni da pignorare attraverso strumenti telematici | Il portale delle vendite pubbliche | Riferimenti |

 

Con l'introduzione dei d.l. 90/2014 e 132/2014, anche il processo esecutivo è stato incluso nel percorso normativo teso a garantire l'attuazione e l'effettività del c.d. processo civile telematico, soprattutto per quanto concerne la fase d'individuazione e specificazione dei beni. D'altronde, in ragione della maggiore vicinanza strutturale al processo di cognizione, il modello esecutivo ne condivide le esigenze di velocizzazione ed accelerazione, rectius informatizzazione. Inoltre, il legislatore ha confermato tale indirizzo con le modifiche che il decreto legge 83/2015 ha operato sugli art. 16-bis ss. del decreto legge 179/2012, anche se resta immutato il comma 2 dell'art. 16-bis che per il processo esecutivo pone l'obbligo (e non la facoltà) del deposito telematico «successivamente al deposito dell'atto con cui inizia l'esecuzione» (su cui vedi § Il deposito telematico).  

Leggi dopo