Bussola

Procedimenti camerali contenziosi

Sommario

Inquadramento | Tutela camerale «contenziosa» e «non contenziosa» | Regime della decisione | Disciplina del procedimento | «Pluralismo» dei modelli camerali contenziosi nell'opera del legislatore | La tesi della «concorrenza» fra tutela camerale sui diritti e cognizione piena | Natura contenziosa e ricorribilità per cassazione: distinzione teorica e confusione pratica | Tutela camerale dei diritti e procedimento sommario di cognizione | Riferimenti |

 

IProcedimenti in camera di consigliosono retti da regole comuni, il cui nucleo è notoriamente racchiuso negli artt. 737 ss. c.p.c. Essi formano in realtà una classe alquanto eterogenea, che fanno di questo nucleo un «contenitore neutro» (secondo l'espressione usata da Cass., S.U., 19 giugno 1996, n. 5692) impegnando l'interprete in un costante sforzo sistematico teso a far convivere in questo «contenitore» trattamenti giuridici differenziati. Particolare fortuna ha avuto la ripartizione tra procedimenti camerali «contenziosi» e «non contenziosi» associata a quella più generale tra giurisdizione «contenziosa» e «non contenziosa».

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Le Bussole correlate >