Bussola

Pignoramento di veicoli

Sommario

Inquadramento. | La procedura tradizionale | La nuova previsione: il pignoramento | La apprensione del bene | Il vincolo giuridico di indisponibilità del bene | L'opponibilità ai terzi del pignoramento, e il suo perfezionamento | La fattispecie del pignoramento non si completa però con i primi due adempimenti fino ad ora visti (notifica al debitore, e trascrizione) | Lo svolgimento dell'espropriazione | Riferimenti |

 

Con l'art. 19, comma 1, lett. d-ter), d.l. 12 settembre 2014, n. 132 (convertito, con modificazioni, dalla l. 10 novembre 2014, n. 162), è stato inserito nel codice di procedura civile l'art. 521-bis, che disciplina il pignoramento di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi. Si tratta di una norma che stabilisce una procedura esecutiva speciale, che si affianca a quella tradizionale prevista negli artt. 513 e ss. c.p.c., rispetto alla quale integra un procedimento alternativo, e che trova giustificazione nella particolare tipologia dei beni che possono essere sottoposti ad esecuzione. Essa si differenzia peraltro dalla speciale procedura prevista dagli artt. 7 e ss., R.D.L. 15 marzo 1927, n. 436, che come si dirà integra un procedimento speciale, operante a beneficio del creditore che, pur se privo di titolo esecutivo, sia, comunque, titolare di un privilegio speciale sul bene (peraltro, e premesso che gli artt. 2 ss. della legge speciale prevedono, a favore del venditore di autoveicoli, un privilegio legale per il prezzo o per quella parte di prezzo che siano stati pattuiti e che non siano stati corrisposti all'atto della vendita, e per i relativi accessori, specificati nel contratto, l'art. 2810, u.c., cod. civ., norma successiva alla legge speciale e quindi prevalente, prevede ...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >