Bussola

Offerta d’acquisto

13 Dicembre 2018 |

Sommario

Legittimazione ad offrire | Forma, contenuto e deposito dell'offerta | Deliberazione sull'offerta | Legittimazione alla gara tra gli offerenti e successiva deliberazione | Riferimenti |

 

In forza del regime stabilito dagli artt. 503 e 569 c.p.c., la vendita forzata immobiliare segue le forme di cui agli artt. 571 -574 c.p.c.. Ad eccezione del debitore chiunque è ammesso ad offrire per acquistare l'immobile: così, dispone l'art. 571, comma 1, c.p.c. per la vendita senza incanto; mentre, in tema di vendita con incanto, il medesimo precetto è riportato nell'art. 579, comma 1, c.p.c.. L'ampia legittimazione ad offrire è tuttavia temperata dalle disposizioni che impongono diversi divieti d'acquisto. Ai seguenti soggetti è difatti preclusa la partecipazione alla vendita forzata. Segnatamente, si tratta: a) del concessionario della riscossione in riferimento ai beni venduti in sede esattoriale (art. 55, d.P.R. 29 settembre 1973, n. 602); b) dei genitori esercenti la potestà sui figli minori limitatamente ai beni di questi ultimi (art. 323 c.c.); c) di tutori e protutori in relazione ai beni di minori (art. 378 c.c.); d) delle categorie di cui all'art. 1471 c.c., tra cui si annoverano gli ufficiali pubblici per i beni venduti per mezzo del loro ministero (in tale ipotesi il divieto è sancito a pena di nullità) e coloro che per legge o per atto della pubblica autorità amministrano beni altrui, (in questo caso a pena invece d'annullabilità). Quest'ultimo divieto esclude...

Leggi dopo