Bussola

Mediazione (procedimento di)

Sommario

Inquadramento | L'istanza di mediazione | Gli organismi di mediazione | Competenza e formazione dei mediatori | L'incontro tra il mediatore e le parti. L'assistenza dell'avvocato | La partecipazione delle parti al primo incontro di mediazione. Conseguenze | Il procedimento e gli ausiliari del mediatore | Gli obblighi del mediatore: il dovere di imparzialità | (Segue): l'obbligo di riservatezza | La conciliazione e la proposta del mediatore | Il verbale di accordo e la sua efficacia | Le spese della mediazione | Le agevolazioni fiscali | Riferimenti |

 

La mediazione, come procedura stragiudiziale di risoluzione delle controversie civili e commerciali, è disciplinata dal d.lgs., 4 marzo 2010, n. 28, che prevede quattro diversi modelli di procedimenti (m. facoltativa o volontaria; obbligatoria; delegata o demandata; concordata o consensuale), i quali si distinguono essenzialmente per la sussistenza o meno dell'obbligo di esperire la mediazione, nonché per il momento in cui tale obbligo sorge (sul punto si rinvia alla bussola mediazione). Dunque, fatte salve disposizioni specifiche, in generale, la disciplina e il funzionamento concreto, comprese le regole generali sul procedimento di mediazione, restano invariate per tutte le forme di mediazione.

Leggi dopo