Bussola

Legge pinto: le opposizioni e le impugnazioni

Sommario

Inquadramento | Termine e modalità di proposizione dell'opposizione | Applicazione delle norme sul procedimento in camera di consiglio | Sospensione dell'efficacia esecutiva del decreto | Istruttoria | Decisione | Ricorso per cassazione | Riferimenti |

 

L'opposizione, proposta ad iniziativa dell'Amministrazione o del privato ricorrente nell'ipotesi di rigetto anche parziale della domanda, dà luogo ad un procedimento disciplinato dagli artt. 737 e ss. c.p.c. dinanzi alla Corte d'Appello in composizione collegiale. L'opposizione è un giudizio che, come avviene per l'opposizione a decreto ingiuntivo di cui all'art. 645 c.p.c., non ha ad oggetto la legittimità del decreto, bensì la sussistenza della pretesa creditoria, sicché nell'ambito della stessa possono essere fatte valere, senza alcuna limitazione, tutte le questioni a ciò correlate (Cass., n. 20463/2015). Trattandosi di un procedimento camerale c.d. su diritti devono peraltro essere rispettate le norme fondamentali in tema di contraddittorio. Il procedimento, nel quale l'istruttoria è tendenzialmente documentale, si conclude con un decreto ricorribile per cassazione ed immediatamente esecutivo.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >