Bussola

Iscrizione a ruolo (dell’espropriazione forzata)

04 Maggio 2016 |

Sommario

Inquadramento | Il nuovo quadro normativo | L'inefficacia del pignoramento | Riferimenti |

 

Con il d.l. 27 giugno 2015, n. 83 (convertito con modifiche dalla l. 6 agosto 2015, n. 132) il legislatore ha nuovamente inciso (a breve distanza peraltro dagli interventi riformatori già realizzati con il d.l. 12 settembre 2014, n. 132 convertito con modifiche dalla l. 10 novembre 2014, n. 162) sul processo esecutivo con la finalità di efficientarne le dinamiche e semplificare conseguentemente il soddisfacimento delle pretese creditorie (R. Giordano). Tra le disposizioni certamente più significative in tal senso, pure per la loro parallela rilevanza per il progetto di informatizzazione della giustizia, compaiono quelle dedicate al nuovo regime dell'iscrizione a ruolo del pignoramento. In particolare, il riferimento è agli artt. 518, comma 6, 543, comma 4, e 557, comma 2, c.p.c., oltre che alle nuove norme di cui agli artt. 159-bis e 164-ter disp. att. c.p.c. e all'art. 16-bis, comma 2, d.l. 18 ottobre 2012, n. 179, come risultanti dalle modifiche introdotte con l'art. 18 del già richiamato d.l. n. 132/2014.

Leggi dopo