Bussola

Inibitoria

26 Ottobre 2016 |

Sommario

Inquadramento | Fattispecie tipiche | Presupposti oggettivi | Presupposti soggettivi | Contenuto | Complementarità | Attuazione | Inibitoria atipica | Casistica |

 

La reazione dell'ordinamento all'atto illecito può consistere non solo nella tradizionale tutela risarcitoria, la quale si volge a compensare gli effetti conseguenti al danno ingiusto, ma anche in una tutela inibitoria, diretta ad impedire il perpetuarsi, l'aggravarsi o la reiterazione della condotta illecita. Una tutela ulteriore, pertanto, con funzione preventiva rispetto ad un danno probabile – e, quindi, coeva ad una situazione di pericolo già attuale – ed avente un contenuto specifico, in quanto volta ad imporre un determinato comportamento, negativo o positivo, al responsabile dell'illecito, secondo modalità idonee ad evitare per il futuro la violazione della posizione soggettiva lesa (o minacciata). Si distingue, quindi, dalla tutela risarcitoria sia perchè non appresta una mera tutela per equivalente sia perché orientata a fronteggiare la causa – e non gli effetti - dell'illecito mediante l'imposizione di una astensione (non facere) o di una positiva specifica condotta destinata, comunque, ad esaurirsi nell'ambito della sfera patrimoniale del soggetto responsabile; presuppone, tuttavia, come si conviene ad una ordinaria sanzione civile, che un atto illecito sia già perpetrato, anche se il danno «ingiusto» può configurarsi anche solo come situazione di pericolo di un da...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento