Bussola

Impugnazioni in generale

09 Aprile 2016 |

Sommario

Inquadramento | Il principio del doppio grado di giurisdizione | L'impugnazione, nelle sue linee essenziali | Interesse all'impugnazione | L'oggetto delle impugnazioni | Tassatività dei mezzi di impugnazione e del loro esercizio | Legittimazione all'impugnazione | Tipologia e classificazione dei mezzi di impugnazione | Impugnazioni e cosa giudicata | Riferimenti |

 

Il nostro ordinamento processuale civile si conforma al modello di processo, prevalente nei regimi moderni, di giudizio che consente, entro certi limiti, di porre in discussione la pronuncia giurisdizionale in un grado di giudizio da svolgersi dinanzi ad un giudice sovraordinato. Nel conflitto tra le esigenze, diverse, di giungere celermente ad una pronuncia di certezza definitiva sulla situazione controversa e di permettere il riesame della decisione che ponga rimedio ad errori e travisamenti, si è lasciata alle parti la facoltà di accettare da subito la decisione oppure di persistere nell'esercizio dell'azione con il chiedere la modifica, la sostituzione o l'annullamento della pronuncia. Trattasi, pur sempre, dell'esercizio della medesima azione intrapresa nel primo grado di giudizio e, rispetto alla quale, l'impugnazione rappresenta una delle varie facoltà attraverso cui siffatto esercizio è concretamente posto in essere. Il sistema così risultante vale come regola generale, salve alcune eccezioni giustificate dalla specialità della materia oggetto di contrasto, o dalle difformi soluzioni escogitate dal legislatore per comporre rapidamente i dissidi e raggiungere un esito risolutivo della controversia con semplicità di forme.

Leggi dopo