Bussola

Giudizio di divisione

Sommario

I partecipanti al giudizio di divisione | Competenza e organo giudicante | Struttura, natura e oggetto del giudizio | I provvedimenti emessi nelle fasi di merito | Le fasi a carattere esecutivo | L'impugnazione dei provvedimenti emessi in mancanza dei presupposti di legge | Riferimenti |

 

L'art. 784 c.p.c. stabilisce il litisconsorzio necessario tra tutti i partecipanti alla comunione. Tale disposizione, tuttavia, deve essere integrata anche con l'art. 1113 c.c., dove si prevede che debbano essere chiamati ad intervenire, perché la divisione abbia effetto nei loro confronti: i creditori che hanno fatto opposizione prima dell'atto di divisione o della domanda di divisione, purchè essa sia stata trascritta quando si tratta di atti soggetti a trascrizione prima della trascrizione dell'atto di divisione o della domanda di divisione (viene comunque fatta salva la possibilità di agire in revocatoria o surrogatoria); i creditori iscritti e coloro che hanno acquistato diritti sull'immobile in virtù di atti soggetti a trascrizione e trascritti prima della trascrizione dell'atto di divisione o della trascrizione della domanda di divisione giudiziale. Ai sensi di tale disposizione possono intervenire a proprie spese gli altri creditori e gli aventi causa. Ai creditori ed aventi causa è data facoltà di fare opposizione alla divisione non ancora eseguita, nonché di impugnare la divisione, anche se eseguita, se hanno fatto opposizione alle condizioni di cui all'art. 1113 c.c. (Cass. civ., 9 novembre 2012, n. 19529). Qualora uno dei litisconsorti necessari venga pretermesso s...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento