Bussola

Forum rei sitae

20 Dicembre 2015 |

Sommario

Inquadramento | Ambito di applicabilità | Competenza del giudice del luogo in cui si trova l'immobile o l'azienda. | Competenza per le azioni possessorie e per la denuncia di nuova opera o danno temuto. | Riferimenti: |

 

L'art. 21 c.p.c. stabilisce che, per le cause relative ai diritti reali su beni immobili, per quelle relative ad apposizione di termini e all'osservanza delle distanze nel piantamento di alberi o siepi o per le cause di sfratto per finita mezzadria e affitto a coltivatore diretto, come per quelle di finita locazione, è competente il giudice del luogo in cui si trova l'immobile; mentre per le azioni possessorie e nunciatorie competente è il giudice del luogo in cui è avvenuto il fatto denunciato (Asprella, sub art. 21, 354 e ss.). La norma disciplina pertanto due tipi distinti di competenza: quella per le cause relative a diritti immobiliari, apposizione di termini e distanze in piantamenti, che è una competenza esclusiva ma derogabile, e quella per le altre controversie sopra menzionate che godono del regime dell'inderogabilità della competenza fissata dall'art. 28 c.p.c. Con l'espressione cause relative a diritti reali su beni immobili, la norma intende riferirsi alle azioni reali immobiliari in senso stretto, comprese quelle di mero accertamento; non vi rientrano le azioni immobiliari di natura personale ed obbligatoria, tranne quelle espressamente richiamate di sfratto, né le cause tendenti alla restituzione di un immobile in dipendenza delle dichiarazioni di nullità, d...

Leggi dopo