Bussola

Fascicolo d’ufficio

02 Dicembre 2016 |

Sommario

Inquadramento | Il registro generale degli indirizzi elettronici (Reginde). | Il regime generale delle comunicazioni e notificazioni nel pct | Norme tecniche e nullità degli atti processuali (cenni) | Riferimenti |

 

L'art. 9, D.M. 21 febbraio 2011, n. 44 è dedicato alla disciplina di una delle funzioni più importanti del processo telematico.   In evidenza Il fascicolo informatico sostituisce ad ogni effetto di legge gli obblighi di tenuta e conservazione del fascicolo d'ufficio su supporto cartaceo e consiste in un'area di memoria destinata a raccogliere gli atti, i documenti, gli allegati, le ricevute di posta elettronica certificata e i dati del procedimento, o le copie informatiche degli atti depositati, nei casi previsti dalla legge (art. 16 bis, l. n. 221/2012), su supporto cartaceo.   Il sistema di gestione è definito come «la parte del sistema documentale del Ministero della giustizia dedicata all'archiviazione e al reperimento di tutti i documenti informatici, prodotti sia all'interno che all'esterno, secondo le specifiche tecniche di cui all'articolo 34» (art. 9 comma 2). Il difensore, la cui identità è verificata attraverso l'elenco degli scritti all'albo professionale fornito dal Consiglio dell'ordine e l'indirizzo di posta elettronica certificata ad esso associata, deve formare gli atti su un supporto informatico (i documenti informatici sono infatti documenti scritti su un supporto informatico) in un formato standard PDF (Portable Document Format), e inserirli in una «bus...

Leggi dopo