Bussola

Espropriazione di beni indivisi

Sommario

Inquadramento | Parametri per procedere alla separazione della quota ovvero alla divisione in natura | Riferimenti |

 

Agli articoli 599 – 601 c.p.c. si disciplina l'ipotesi in cui oggetto dell'espropriazione sia una quota indivisa di un bene in comunione tra il debitore ed altri soggetti. Le disposizioni di cui sopra non si applicano al caso in cui oggetto dell'espropriazione sia l'intero bene comune perché l'espropriazione è condotta contro tutti i condomini. Tali disposizioni si applicano anche in caso di comunione legale tra coniugi, quando a procedere sia un creditore personale di uno dei due (Trib. Pisa, 28 novembre 2008, in Giur. merito 2012, 3, 604, con nota di Cardino). Se per errore viene pignorato l'intero bene in luogo di una quota, i comproprietari non debitori, essendo terzi rispetto all'esecuzione, possono opporsi mediante lo strumento offerto dell'art. 619 (vedi Opposizione di terzi). Oggetto dell'espropriazione può essere sia un bene in comunione ordinaria che ereditaria, nonché in comunione legale tra coniugi quando il creditore procede per un debito personale di un coniuge. Il pignoramento è disciplinato da regole differenti a seconda della natura dei beni che ne sono oggetto. Esso deve essere seguito, tuttavia, da avviso del pignoramento agli altri comproprietari, che ai sensi dell'art. 180 disp. att. c.p.c. deve contenere: l'indicazione del creditore pignorante, del bene p...

Leggi dopo