Bussola

Domande nuove

23 Novembre 2017 |

Sommario

Inquadramento | Elementi oggettivi | Mutatio ed emendatio libelli | Casistica di legittimità | Guida all’approfondimento |

 

Il contenuto della domanda rappresenta l’oggetto del giudizio, inteso sia come oggetto della decisione del giudice, sia come oggetto da cui il convenuto è chiamato a difendersi. Il processo civile è scandito dal sistema delle preclusioni e, con particolare riferimento alla tematica della domanda nuova, dal divieto della cd. mutatio libelli. E ciò al precipuo fine di consentire al giudicante e al convenuto la conoscenza, sin dalle fasi iniziali del giudizio, dell’oggetto del processo e di quella che sarà l’espletanda istruttoria. In generale, la domanda è nuova se introdotta in violazione, con riferimento al giudizio di primo grado, ai precetti sanciti dalla norma di cui all’art. 183 c.p.c.. A fronte di una domanda nuova, il giudice, con una sentenza di rito, pronuncia l’inammissibilità della stessa, con la conseguenza che l’attore (o il convenuto in caso di domanda riconvenzionale) può riproporre la domanda in un nuovo giudizio, onde ottenere una pronuncia di merito. 

Leggi dopo