Bussola

Delega delle operazioni di vendita

15 Febbraio 2016 |

Sommario

Inquadramento | La natura giuridica della delega | La scelta del professionista delegato e la revoca | L'ordinanza di delega | La delega parziale | I compiti del professionista delegato | Determinazione e liquidazione dei compensi | Professionista delegato e giudice.: reclami | Riferimenti |

 

L'istituto della delega delle operazioni di vendita è stato introdotto dalla l. n. 302 del 1998  che ha attribuito al giudice dell'esecuzione la facoltà di demandare dette operazioni ai notai. La successiva l. n. 80 del 2005 ed ancora quella n. 263 del 2005 ha consentito di delegare non soltanto notai, ma anche altri professionisti, quali gli avvocati ed i dottori commercialisti, superando la previsione di delegare un solo tipo di vendita, quella con incanto, con la determinazione del conferimento dell'incarico dell'intero procedimento di vendita (MIELE, GHEDINI, 127 e ss.). La recente novella di cui al d.l. n. 83 del 2015, convertito con modificazione dalla l. n. 132 del 2015, ha previsto la delega delle operazioni di vendita come la modalità tipica di liquidazione dei beni pignorati, che può non essere disposta nei soli casi in cui il giudice, sentiti i creditori, ravvisi l'esigenza di procedere direttamente alle operazioni di vendita a tutela degli interessi delle parti.   In evidenza La delega al professionista delegato, in seguito alla novella del 2015, è diventata la modalità principale che deve essere disposta dal giudice per la liquidazione dei beni pignorati. Il giudice, nel momento in cui decide di non disporre la delega delle operazioni di vendita al professionis...

Leggi dopo