Bussola

Conflitti di giurisdizione

19 Dicembre 2016 | ,

Sommario

Inquadramento | Il conflitto positivo e il conflitto negativo di giurisdizione | Il conflitto di giurisdizione all'indomani della l. n. 69/2009 | L'art. 11, comma 3, c.p.a e il conflitto di giurisdizione | La denuncia del conflitto di giurisdizione | La conversione del ricorso per conflitto di giurisdizione | Casistica |

 

L'esistenza di una pluralità di giurisdizioni statali è principio che comporta, implicitamente, la necessità, per chi intenda agire in giudizio, di procedere con l'individuazione del plesso fornito di giurisdizione. La giurisdizione costituisce una condizione di decidibilità della domanda che il giudice sarà a chiamato a scrutinare, al fine di verificare se sia proprio l'ordine giurisdizionale al quale appartiene (ad es. civile, amministrativo, tributario o contabile) quello al quale l'ordinamento riconosce il potere e il dovere di decidere la controversia oggetto della causa, avuto riguardo alle parti ed alla situazione giuridica dedotta in giudizio. Potrà darsi un difetto assoluto o relativo di giurisdizione a seconda che, rispettivamente, ci si trovi in un'ipotesi mancanza di tutela della situazione giuridica soggettiva, o, diversamente, nell'ipotesi in cui sia quello specifico giudice adito ad essere carente di giurisdizione, ma ve ne sia, comunque, uno competente a decidere, fra gli organi giurisdizionali dello Stato italiano. Si indica come difetto assoluto di giurisdizione anche la situazione in cui il giudice italiano sia sfornito di competenza internazionale, rispetto alla controversia per la quale sia stato adito. Tradizionalmente, il conflitto di giurisdizione si co...

Leggi dopo