Bussola

Cause legittime di prelazione

Sommario

Inquadramento | Cause legittime di prelazione: tipologie, funzione, effetti e caratteri | Privilegi e garanzie reali a confronto | Privilegi e garanzie reali: differenze | Il divieto del patto commissorio: ratio, ambito applicativo e limiti | Conflitti tra privilegi e garanzie reali | Eccesso di iscrizione ipotecaria e abuso del processo |

 

Di regola le obbligazioni si estinguono con l'esatto adempimento del debitore; tuttavia, non di rado può verificarsi uno sviluppo patologico del rapporto obbligatorio, con il debitore che non adempie al proprio obbligo giuridico e il creditore che non vede soddisfatte le proprie pretese. In questo caso l'ordinamento interviene ponendo a presidio delle ragioni creditorie il disposto dell'art. 2740, comma 1, c.c., che sancisce il principio generale della responsabilità patrimoniale generica del debitore. In base a questa previsione, il patrimonio del debitore inadempiente funge da garanzia generica e generale su cui il creditore può fare affidamento per realizzare il proprio credito; da ciò, del resto, deriva l'affermazione secondo cui non vi può essere “debito senza responsabilità”. Se il debitore è inadempiente, infatti, il creditore, dopo aver fatto constatare per le vie giudiziali l'inadempimento, può intraprendere il processo esecutivo sui beni dei debitore, facendoli espropriare secondo le regole del codice di procedura civile (art. 2910 c.c.). Tale garanzia opera, dal punto di vista oggettivo, su tutto il patrimonio del debitore (cd. “principio di universalità”), e cioè non solo sui suoi beni presenti, ma anche su quelli futuri, che entreranno poi eventualmente a far part...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >