Bussola

Avvocatura dello stato (patrocinio della)

28 Febbraio 2016 |

Sommario

Inquadramento | Patrocinio obbligatorio e facoltativo | La regola: patrocinio obbligatorio | L'eccezione: patrocinio facoltativo | Mandato ex lege | Foro dello stato | Le notifiche degli atti giudiziari | Riferimenti |

 

Il modello più risalente di rappresentanza e difesa legale degli enti pubblici è quello dell'avvocatura dello Stato, che nasce alla fine dell'800 e presenta, ancora oggi, rilevanti peculiarità, che derivano essenzialmente dalla particolare collocazione dell'Istituto nell'ordinamento delle amministrazioni statali. All'atto dell'istituzione della Regia Avvocatura erariale, la l. 28 novembre 1875, n. 2871 ed il regolamento approvato col r.d. 16 gennaio 1876 n. 2914 le attribuirono il patrocinio e la consulenza solo delle Amministrazioni dello Stato, già riconosciuto come soggetto unitario di diritto, persona giuridica di diritto pubblico. Il problema dell'estensione del patrocinio ad altri enti pubblici non era particolarmente sentito, poiché questi, a parte i Comuni e le Province, erano in numero ridotto e svolgevano compiti molto limitati; ostacoli all'estensione del patrocinio erano frapposti anche dalle organizzazioni dei liberi professionisti che mal tolleravano la riduzione del loro campo di azione. Oggi l'Avvocatura dello Stato (disciplinata dal r.d. 30 ottobre 1933, n. 1611, recante: «Approvazione del testo unico delle leggi e delle norme giuridiche sulla rappresentanza e difesa in giudizio dello Stato e sull'ordinamento dell'Avvocatura dello Stato», più volte modificato)...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Le Bussole correlate >