Bussola

Arbitrato internazionale

Sommario

Inquadramento | Le fonti dell'arbitrato internazionale | Le convenzioni internazionali | Le leggi statati e la legge modello UNCITRAL | La clausola di esclusione dell'arbitrato | L'arbitrato internazionale in materia d'investimenti | Riferimenti |

 

L'arbitrato internazionale presenta le medesime questioni che emergono in relazione all'arbitrato interno; tuttavia, diversi fattori - quali la cittadinanza, la residenza o il domicilio delle parti persone fisiche e/o giuridiche, il luogo in cui ha «sede» l'arbitrato o la sede le­gale o amministrativa dell'istituzione eventualmente chiamata ad amministrare la pro­cedura, il luogo di esecuzione delle prestazioni previste nel contratto o il luogo in cui si è prodotto l'evento dannoso, la legge applicabile al merito della controversia o alla procedura arbitrale - potranno concretare il contatto dell'arbitrato internazionale con una pluralità di ordina­menti. Tale possibilità si presenta con frequenza  nella risoluzione delle controversie relative ai rapporti del commercio internazionale. Si ricorre alla locuzione arbitrato commerciale internazionale per distinguere l'arbitrato tra soggetti privati, o tra soggetti privati da un lato e Stati esteri, organizzazioni internazionali o entità statali agenti iure privatorum dall'altro, dall'arbitrato internazionale in senso stretto. Quest'ultimo, invece, ha ad oggetto controversie in cui le parti sono esclusivamente Stati o altri soggetti di diritto internazio­nale, è regolato dal diritto internazionale pubblico e pone problemi specific...

Leggi dopo