Focus

Il Punto sulla mediazione civile

23 Giugno 2017 | Mediazione (in generale)

L’intensa applicazione della mediazione civile e commerciale, introdotta dal legislatore del 2010 con il d.lgs. n. 28, si deve al fatto che tale strumento di risoluzione alternativo delle controversie fuori dalle aule del Tribunale è obbligatorio per materie che generano elevati flussi di contenzioso (ad esempio, condominio, contratti bancari e assicurativi e diritti reali), oltre che essere facoltativo oppure delegato dal giudice.

I dati sono stati messi in luce anche dalle recenti statistiche fornite dalla Direzione generale di Statistica del Ministero della Giustizia (v. i dati del primo trimestre).

 

Il consolidarsi del suo utilizzo, a fronte di una normativa talvolta di incerta applicazione, ha generato diversi problemi interpretativi che hanno reso difficile definire i confini di operatività dell’istituto, sfociando in soluzioni eterogenee sia di matrice giurisprudenziale che dottrinaria.

Permane, ancora oggi, ad esempio, il dubbio interpretativo in tema di mediazione e opposizione a decreto ingiuntivo, circa l’individuazione del soggetto che ha l’onere di promuovere la mediazione: da un lato l’orientamento maggioritario lo individua nel convenuto opposto, dall’altro lato, l’orientamento minoritario individua in capo all’ opponente, attore in senso formale, l’onere di instaurare il procedimento di mediazione. Aderendo all’uno o all’altro orientamento discendono conseguenze processuali diverse che incidono fortemente sulle scelte difensive dell’avvocato e della parte.

 

L’esperienza finora maturata in materia di mediazione civile suggerisce, inoltre, di potenziare, tramite appositi interventi legislativi, il potere del mediatore, figura centrale del procedimento, a cui però non è mai stato attribuito alcun potere discrezionale. Ciò che si auspica è un rafforzamento del potere di compiere o di disporre di attività istruttorie, i cui risultati possano agevolare le parti nella prognosi sui verosimili esiti del giudizio. Poteri che potrebbero anche permettere di evitare il rischio per le trattative di arenarsi e quindi di vanificare la finalità perseguita dalla mediazione ovverosia quella di raggiungere un accordo amichevole senza doversi rivolgere ai Giudici, occupati a dirimere il numeroso arretrato pendente.

 

L’evoluzione normativa e giurisprudenziale del rapporto tra mediazione e processo civile è costantemente monitorata dal portale ilProcessoCivile attraverso i tempestivi commenti e approfondimenti autorali.

   

E ancora sulla Mediazione...

NOVITÁ

Chi è onerato di promuovere la mediazione delegata nel processo d'opposizione a decreto ingiuntivo?

Di G. Di Marco 

 

Mediazione: dati incoraggianti e limiti allo sviluppo

Di F. Valerini

Mediazione obbligatoria e processo

di R. Nardone  

 

Mediazione (Procedimento di) 

Di R. Metafora 

 

CGUE: la normativa nazionale può prevedere la mediazione obbligatoria per le controversie tra consumatori e professionisti 

di E. D’Alessandro

   

 

 

La riforma della mediazione secondo la commissione Alpa

di G. Di Marco 

  

La giustizia amministrativa sdogana la mediazione contumaciale?

di G. Di Marco

La mediazione e i procedimenti bifasici

Di R. Nardone  

 Opposizione a decreto ingiuntivo. A chi l’onere della mediazione? 

di M. Di Marzio

 Mediazione e domanda riconvenzionale “inedita”: obbligatorietà o attività inutile? 

di G. Ianni 

Mediazione e opposizione a decreto ingiuntivo 

di R. Masoni

 

Il tardivo esperimento della mediazione e conseguenze processuali connesse 

di R. Masoni

 

 Mediazione obbligatoria e azione revocatoria ordinaria

di V. Amendolagine

Cumulo tra negoziazione assistita obbligatoria e altre condizioni di procedibilità 

di V. Amendolagine

 

 

Esecutività dell’accordo (mediazione obbligatoria) 

di F. Valerini

 

Rischi per chi partecipa alla mediazione senza corrispondere le spese di avvio del procedimento 

di V. Amendolagine

    

ll mediatore

 

di N. Soldati

 

 

 

Leggi dopo