Focus

I legami tra la rinuncia al ricorso per cassazione e la cessazione della materia del contendere

Sommario

La fattispecie concreta esaminata dalla Cassazione | L'iter logico della decisione | I recenti interventi riformatori degli artt. 390 e 391 c.p.c. (cenni) | L'orientamento formatosi in sede di legittimità sulla rinuncia al ricorso per cassazione | Osservazioni critiche sulla pronuncia in commento | Ulteriori profili processuali connessi alla rinuncia | Guida all'approfondimento |

 

Il principio enunciato da Cass. civ., ord., sez. VI-III, 27 luglio 2018, n. 19907, secondo cui la rinuncia al ricorso, ancorchè illegittima (perché proveniente da un procuratore che non è legittimato a disporre del diritto in contesa), fa cessare la materia del contendere per sopravvenuta carenza d'interesse del ricorrente (non essendo, invece, idonea a produrre l'effetto dell'estinzione del processo), è stato più volte affermato in passato dalla Cassazione.

Leggi dopo